Daini, gli ambientalisti di Ravenna: "Abbattimento male minore"

Romagna | 25 Maggio 2019 Cronaca
daini-gli-ambientalisti-di-ravenna-quotabbattimento-male-minorequot
«Noi la soluzione non l’abbiamo, diciamo solo che l’abbattimento dev’essere l’ultima spiaggia. E che ci piacerebbe essere convocati intorno a un tavolo per dire la nostra al pari di tutti i soggetti coinvolti. Le sensibilità, intorno alla questione dei daini nella pineta di Classe, sono diverse: sarebbe giusto metterle a confronto». Non è una linea dura quella di Claudio Mattarozzi, presidente di Legambiente Ravenna, che precisa di ritenere competenti sia i carabinieri forestali che la polizia provinciale e di non avere nulla da insegnare all’Ispra, l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale: «A noi i muri non piacciono e siamo comunque consapevoli dei problemi che i daini possono creare. Però vorremmo che ci fosse chiarezza, che non si giocasse con i numeri e con il censimento degli animali perché in questo modo si creano fronti a favore e fronti contro, si parte per la tangente e si aizzano gli animi. Vorremmo, piuttosto, che qualcuno ci aiutasse a capire meglio le possibili soluzioni. La fauna è un bene dello Stato, che la deve gestire con regole chiare, mediando comunque soluzioni diverse». 
Ha una posizione simile il presidente del Wwf di Ravenna Davide Emiliani, che sposa la visione tecnica: «Noi non sponsorizziamo certo l’abbattimento, fa piangere il cuore uccidere animali. Ma purtroppo siamo in presenza di ambienti naturali ingabbiati da habitat antropizzati, che vanno gestiti. A Classe la situazione è stata trascurata fin dall’inizio: già nel 2001 denunciammo il fatto che, dopo che un fortunale aveva fatto cadere un pino su un recinto, ndo uscire gli animali, la cosa stava sfuggendo di mano. Ma non fummo ascoltati». Per Emiliani, dopo anni di negligenza ora il male minore è l’abbattimento: «Per gli animalisti non bisogna toccare i daini ma questa posizione è fuori luogo. Qui siamo vicino a un centro abitato e a una strada statale e l’impressione è che dopo aver abbattuto un centinaio di animali, bisognerà rifarlo l’anno dopo e poi ancora. L’esperienza del bosco di Mesola insegna: furono introdotti i daini perché erano belli e si è arrivati al punto di doverli controllare come a Classe. Speriamo che ci sia abbastanza personale, tra i carabinieri forestali e le guardie provinciali, per gestire la cosa senza ricorrere ai selettori. Certo è che serviranno molte forze: non si tratterà solo di pensare all’abbattimento ma anche, per esempio, di impedire l’accesso delle persone alla pineta». 
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione