Ciclismo, la nuova vita di Marangoni dalla bici alla televisione: "Pensavo di non essere all’altezza e invece mi diverto"

Romagna | 02 Agosto 2019 Sport
Andrea Bocchini
Spesso il momento in cui un ciclista professionista decide di appendere la bici al chiodo è drammatico, sportivamente parlando. Per Alan Marangoni, ultimo «pro» della provincia di Ravenna, l’impatto con la pensione ciclistica è stato invece abbastanza dolce. In primis, perché il giorno dell’addio è coinciso curiosamente con la prima vittoria da professionista nel Tour di Okinawa in Giappone e poi perché il cotignolese è rimasto nell’ambiente ciclistico in una nuova veste. Da gennaio Marangoni è il frontman del canale ciclistico GCN Italia, attivo sulla piattaforma YouTube e di rimbalzo su tutti i principali social media. Un cambiamento di vita totale che per il momento ha dato i suoi frutti. «Al di là della proposta lavorativa di GCN - spiega il passista di Cotignola - credo fosse arrivato il momento di smettere. Sinceramente ero saturo e, anche se poteva esistere la possibilità di correre ancora, sono convinto di avere fatto la scelta giusta. Il ciclismo è uno sport logorante fisicamente e soprattutto mentalmente e non lo è stato solamente negli anni da professionista. Già da Juniores e poi da dilettante le tensioni e i sacrifici sono tantissimi e dopo 20 anni era giunto il momento di staccare la spina. È stato un viaggio bellissimo ma era giusto mettere la parola fine». 
In pochi mesi Marangoni è passato dall’altra parte della regia, nel ruolo inedito di presentatore di un canale ciclistico: «Sono molto contento - prosegue l’ex ciclista di Liquigas e Nippo Fantini - perché il canale sta andando bene e il gradimento delle visualizzazioni è molto alto. Quando me l’hanno proposto ero molto eccitato ma, nello stesso tempo, ero pieno di paure e preoccupazioni perché avevo paura di non essere all’altezza. Dopo pochi mesi posso dire di avere la fatto la scelta giusta e mi trovo completamente a mio agio nel mio nuovo ruolo». 
Gli ingredienti del Marangoni-presentatore sono semplici: «Cerco di divertire e cerco di farlo divertendomi. È importante trasmettere la mia passione e la mia esperienza di professionista a chi visualizza i servizi ma, nel farlo, è fondamentale essere sinceri, diretti e cercare di non prendersi troppo sul serio». In un ciclismo che sta cambiando è lecito chiedersi che corridore sarebbe stato Marangoni se fosse passato professionista nel 2019. «Voglio essere sincero - prosegue il vincitore del Tour of Okinawa 2018 - e dico che difficilmente un corridore con le mie caratteristiche sarebbe passato professionista nel ciclismo attuale. Il livello si è alzato e tra i pro, specialmente in team World Tour, passano solo atleti con un curriculum di vittorie altisonante tra gli Under23. Non c’è più spazio per gli uomini squadra e francamente questo mi fa pensare che ho intrapreso la mia carriera al momento giusto. Ho corso con team di primo piano, ho disputato tutte le migliori corse del calendario mondiale e posso affermare di non avere rimpianti».
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione