settesere it notizie-romagna-calcio-c-il-ravenna-si-gioca-la-sopravvivenza-testa-cuore-e-anima-per-la-salvezza-n24754 001

Calcio C, il Ravenna si gioca la sopravvivenza: "Testa, cuore e anima per la salvezza"

Romagna | 27 Giugno 2020 Sport
calcio-c-il-ravenna-si-gioca-la-sopravvivenza-quottesta-cuore-e-anima-per-la-salvezzaquot
Luca Alberto Montanari
L’ultima volta era pieno inverno e si giocava in casa. Questa volta è piena estate e si gioca fuori. L’ultima volta era la ventisettesima giornata di un campionato che non aveva ancora emesso un verdetto. Questa volta è uno spareggio che, al contrario, deve solo fornire la risposta a una domanda: chi scenderà in D tra Fano e Ravenna? Lo sapremo martedì sera, all’ora di cena, dopo che le due squadre si saranno affrontate in 180 minuti all’ultima spiaggia, a distanza di addirittura 124 giorni (125 nel caso del Fano) dall’ultima gara ufficiale disputata in campionato. Fano-Ravenna (sabato 27) e Ravenna-Fano (martedì 30) è la sigla di chiusura di una stagione oggettivamente falsata e senza precedenti, che offre l’ultima scialuppa di salvataggio per restare in C dopo le decisioni del Consiglio Federale, che ha obbligato tutti a scendere in campo. Luciano Foschi, allenatore del Ravenna, sa perfettamente che non sarà calcio vero, ma in fondo è così per tutti e in questo senso nessuno sarà più o meno favorito: «Questa - spiega Foschi - è tutta un’altra storia rispetto al campionato o a una stagione normale. Questo è un calcio che non è calcio, ma in fondo è il calcio che dobbiamo fare e quindi è giusto concentrarsi esclusivamente sul campo, con la piena consapevolezza che ci giocheremo tutto in 180 minuti». Il Ravenna, dopo il lockdown e prima del via libera dal Governo, ha svolto meno di tre settimane di allenamenti, tra sedute individuali e di squadra, ed è inevitabilmente un enorme punto interrogativo a distanza di oltre quattro mesi dallo 0-1 casalingo contro la Triestina del 23 febbraio: «Alla ripresa - ricomincia Foschi - ho trovato un gruppo voglioso di ricominciare e di tornare alla normalità. Però non ha senso parlare di condizione e di benzina: dobbiamo solo stare attenti a dosare bene le forze e a non farci male, perché il rischio infortuni è concreto. Per il resto abbiamo fatto del nostro meglio». Se la condizione fisica è un’incognita, le posizioni in classifica di Ravenna e Fano prima dello stop sono una certezza. E, grazie al miglior posizionamento ottenuto, i giallorossi possono permettersi anche di pareggiare due volte per salvarsi: «Io non penso ai risultati e a questo vantaggio - dice Foschi - io penso solo alla partita di Fano, che voglio vincere. Poi tireremo le prime somme solo dopo quella gara, ben sapendo che dovremo giocarci la salvezza in 180 minuti. Cosa chiedo alla squadra? Di usare la testa, di mettere cuore e anima e di prendere le energie fisiche e nervose dappertutto, anche a costo di raschiare il barile. Siamo stati fermi per tre mesi e giochiamo dopo meno di tre settimane di preparazione, quindi serviranno soprattutto anima, cuore e testa». A livello tattico, invece, non c’è molto da aggiungere: «Prepareremo le partite come sempre - spiega Foschi - ma, vedendo anche le gare di A, direi che la tattica e gli schemi sono l’ultimo dei problemi e passa tutto in secondo piano. Conta molto di più lo spirito. Le porte chiuse? E’ una grande incognita anche questa, ma lo sarà per entrambe». Che Fano si aspetta e quanto incideranno i due pareggi della stagione regolare? Foschi chiude così: «Mi aspetto un Fano agguerrito, pronto a battagliare e voglioso di salvarsi. Come lo saremo noi. Anche loro daranno l’anima, quindi sarà una gara difficile ed equilibrata. Quanto al campionato, quelle due partite non faranno testo. Questa è una storia completamente diversa».
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it notizie-romagna-calcio-c-il-ravenna-si-gioca-la-sopravvivenza-testa-cuore-e-anima-per-la-salvezza-n24754 002
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione