Calcio, 20 anni fa il Faenza salutava la C per sempre, il ricordo di Regno: «Sono diventato allenatore anche grazie a quel triennio»

Romagna | 31 Luglio 2022 Sport
Alla guida dell’ultimo Faenza tra i professionisti c’era Carlo Regno, oggi storico vice di Davide Ballardini, che 20 anni fa chiuse con la retrocessione un triennio formativo, dentro e fuori dal campo, che ricorda ancora molto volentieri: «Se sono diventato allenatore, prendendo il patentino di prima categoria ed entrando stabilmente nello staff di Davide Ballardini, il merito è anche del Faenza e di quel triennio trascorso sulla panchina biancazzurra. Ho solo ricordi bellissimi - racconta Regno - tranne quel maledetto finale contro il Sassuolo. I primi due anni furono ricchi di soddisfazioni, nel terzo siamo retrocessi solo a pochi minuti dalla fine del playout contro una squadra che, da quel momento, ha cominciato la propria scalata verso cime impensabili». A livello calcistico Regno ricorda non solo quello che accadde dentro il campo, ma anche fuori: «Con i dirigenti e la squadra sono rimasto in ottimi rapporti, sento spesso il general manager Giovanardi e il presidente Minardi. Faenza 20 anni fa era una piccola oasi felice, c’era tanta gente che veniva allo stadio, era piacevole giocare al Neri, perché si respirava il calore della gente e in casa avevamo un ottimo seguito di tifosi. Personalmente sono stato molto bene. Ripeto, potrò solo dire grazie alla città, al club e al presidente». La retrocessione di 20 anni fa è stata la sigla di chiusura più dolorosa, ma Regno conserva anche ottimi ricordi dentro al rettangolo verde: «Primo tra tutti la salvezza ai playout ottenuta l’anno prima con la Maceratese». Due parole anche su un aspirante campione come Floccari: «Sergio giocava nella Berretti del Mestre e un giorno scese in campo contro il Faenza. Il direttore sportivo Tacchi mi disse: “Carlo, questo è forte”. Io gli risposi: “Non è forte, è fortissimo. Prendilo, perché uno così non ce l’abbiamo”. Anche per Sergio, l’esperienza al Faenza è diventata un trampolino di lancio ed è stato bellissimo ritrovarlo alla Lazio».
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy (Preferenze Cookie)
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it notizie-romagna-calcio-20-anni-fa-il-faenza-salutava-la-c-per-sempre-il-ricordo-di-regno-asono-diventato-allenatore-anche-grazie-a-quel-triennioa-n34933 005
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione