Brisighella, a Ca' Carnè dove si può mangiare prodotti del Parco, dormendo come in un rifugio

Romagna | 09 Settembre 2019 Cronaca
brisighella-a-ca-carnau-dove-si-pua2-mangiare-prodotti-del-parcodormendo-come-in-un-rifugio
Sandro Bassi - Come esempio di una struttura turistica sui generis, che non fa turismo classico cittadino ma escursionistico-naturalistico, prendiamo il Rifugio Carnè, al centro dell’omonimo parco (confluito fin dal 2005 nel ben più vasto Parco regionale Vena del Gesso) a 5 km da Brisighella, sotto le pinete di Rontana e al centro di un’incantevole successione di prati, boschetti di quercia e carpino, doline, rocce.
«La nostra attività è diversificata secondo la stagione e secondo i giorni settimanali - spiega Luca Celotti dell’azienda agricola ‘Sapori di Fontecchio’ che da cinque anni gestisce la struttura -  e va premesso che siamo in costante crescita, ogni mese e ogni anno. Nei fine settimana lavoriamo ormai quasi solo su prenotazione perché, specialmente a pranzo, quando apparecchiamo anche all’aperto, viene moltissima gente. Non proponiamo un menù da ristorante, ma da rifugio, o meglio da azienda agricola qual è la nostra, quindi con scelta di piatti limitata a prodotti rigorosamente locali: pasta fatta in casa da noi, formaggi, salumi e vini di aziende del Parco, tipici del territorio e tra l’altro di un territorio protetto e incontaminato».
Il rifugio Carnè è raggiungibile solo a piedi (10 minuti dal parcheggio più vicino) e se questa è la sua croce è anche la sua delizia perché i frequentatori cercano appunto un luogo tranquillo, con aria pulita e cornice verde, ben lontano da tubi di scappamento.
«E questo vale anche per i pernottamenti - ancora Luca Celotti - anch’essi in aumento e legati alla frequentazione di escursionisti e pellegrini. Abbiamo 20 posti-letto, a castello, in tre stanze e direi che il cliente-tipo è colui che percorre il Cammino di Sant’Antonio, da Padova fino a La Verna. Sono in aumento anche gli escursionisti dell’Alta Via dei Parchi (un percorso regionale che collega le varie aree protette montane) e quelli del Sentiero Cai 505 (da Faenza alla Colla di Casaglia in due-tre giorni) che magari arrivano solo fin qui da Faenza per attraversare i calanchi, mangiare, riposarsi e scendere l’indomani. «Abbiamo un ovvio su e giù stagionale - dice Celotti - nel senso che d’inverno la clientela si riduce. Non ci sono più gite scolastiche o Cre estivi, ma restano i gruppi escursionistici o i singoli, anche con la neve. Non si mangia più all’aperto ma sabato e domenica la sala grande (una ex stalla ristrutturata ancora ben riconoscibile) da 50 posti e quella piccola, con camino, da 15, si riempiono lo stesso».
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione