Basket B, Blacks Faenza in Coppa Italia con lo specialista: «Il successo dipende da tanti fattori»

Romagna | 10 Marzo 2023 Sport
Valerio Roila
Sebastian Vico sa come si fa. Se n’è già portate due a casa, di Coppe Italia, la guardia argentina. La prima delle quali, quella del 2016 con Forlì, proprio con coach Garelli al timone, e la seconda, con Piacenza, con annesso titolo di miglior giocatore della competizione. Il palmares personale, arricchito dalla Supercoppa del 2021 e da quattro promozioni in A2, potrebbe espandersi con la Final Four di sabato e domenica, per la quale però i Blacks non partono favoriti e dovranno sovvertire i pronostici della vigilia.
Vico, come si vince una Final Four di Coppa Italia?
«Il successo dipende da tanti fattori, più importante dei quali è lo stato di forma con cui si arriva all’appuntamento. Ad esempio, con Piacenza nel 2021 abbiamo cavalcato l’onda del nostro periodo migliore. Poi, è banale dire che si tratti di partite secche, ed una giornata felice o storta al tiro può cambiare tutto, così come una partenza giusta o sbagliata può condizionare l’intero incontro».
Che differenze ci sono tra giocare una finale a otto, come quella che ha vinto con Piacenza, piuttosto che a quattro, come quella del 2016 e di quest’anno?
«Giocare tre partite in tre giorni rende l’esito più impronosticabile e brucia tante energie a livello fisico. Anche disputare due partite di altissimo livello in due giorni non sono comunque una passeggiata, bisogna saper gestire le forze, e qualche strascico rischiano di lasciarlo. Almeno, per chi perde la semifinale, il tutto si trasforma come in una routine di un weekend classico, ma non è certo quello che ci auguriamo».
Rieti è imbattibile o si possono trovare dei punti deboli da sfruttare per superarla?
«Hanno vinto tante volte in volata, e ciò non si fa solo per fortuna, ma dimostra che si tratta di una squadra che non solo è più forte delle altre, ma che ha dentro qualcosa, sa rimanere sempre motivata, concentrata e lucida. Hanno un roster lunghissimo, con giocatori dotati di talento anche difensivo; infatti, sono quelli che hanno subito meno punti nel girone. Con loro in campionato abbiamo perso all’ultimo tiro e spero che il rammarico che derivò da quella bruciante sconfitta ci possa donare la spinta motivazionale per spuntarla stavolta».
Battere Rieti potrebbe darvi uno stimolo psicologico aggiuntivo per tentare la rimonta anche in campionato?
«Penso sia una gara a sé stante, nella quale misureremo di nuovo la distanza con loro. La rimonta in classifica sarebbe un’impresa: non abbiamo in mano il nostro destino e dipende anche da loro, ma il loro calendario non è terribile, quindi pensiamo solo al match di sabato».
Dall’altra parte del tabellone si affrontano, in un derby tutto lombardo, Vigevano ed Orzinuovi. I bresciani sono i naturali favoriti, dall’alto della loro leadership nel girone B, o i ducali possono sgambettarli, magari con l’aiuto del loro pubblico? E, nel caso arrivaste in finale, chi ti piacerebbe affrontare?
«Se si giocasse una serie, punterei i miei soldi su Orzinuovi, ma in una singola partita, conoscendo l’importanza del sesto uomo di Vigevano, la sorpresa è dietro l’angolo. Purché la tifoseria si trasformi in energia positiva e non in un carico eccessivo di pressione. Non ho preferenze sull’eventuale sfidante in finale. Direi Orzinuovi perché così, in caso di vittoria finale, potremmo dire di aver battuto le migliori sulla carta. Ma siamo qui per confrontare il nostro livello con quello delle big di categoria e fare esperienza per i nostri obiettivi futuri».
In campionato avete fatto il vuoto sulla quinta in classifica e manca poco per certificare la qualificazione alla B d’élite. Cosa vi manca per fare un passo in più e regalare a Faenza il sogno della promozione in A2?
«Gli indizi possiamo averli solo affrontando le squadre più attrezzate come in questa occasione, ma il nostro segreto è banale: quello di pensare solo alla prossima partita».
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Via Severoli, 16 A
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy (Preferenze Cookie)
Redazione di Ravenna

via Arcivescovo Gerberto 17
Tel 0544/1880790
E-mail direttore@settesere.it

Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it notizie-romagna-basket-b-blacks-faenza-in-coppa-italia-con-lo-specialista-ail-successo-dipende-da-tanti-fattoria-n37698 005
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione