Basket A2, quattro trappole e il temuto "orologio": il cammino dell’OraSì è pieno di ostacoli

Romagna | 08 Febbraio 2020 Sport
Stefano Pece
«All’inizio della stagione mi sembrava una bella regola, ma adesso che ci sono arrivato mi sembra una follia la fase a orologio. Ho cambiato completamente idea». Massimo Cancellieri non si nasconde dietro alle parole quando deve chiarire i suoi pensieri e sulla fase a orologio - la grande novità della post season 2020 - non usa mezzi termini e lo fa in tempi non sospetti poiché lo afferma ora, quando mancano ancora diverse partite a quella parte di campionato. D’altra parte si tratta di un’appendice che può stravolgere in maniera significativa la classifica.

IL REGOLAMENTO
La fase a orologio inizia subito dopo la parentesi di Coppa Italia, la quale si svolgerà a sua volta al termine della regular season, e consta di sei partite con le squadre del girone Ovest, delle quali tre in casa e altrettante in trasferta. Vi accedono tutte le squadre con la formula particolare cosiddetta dell’orologio appunto, poiché ogni formazione gioca in casa con le tre squadre che la seguono in classifica e fuori casa con le tre che la precedono. Per decidere le avversarie di ognuna fa fede ovviamente la classifica in essere al termine della regular season. Tutte le partite della fase a orologio danno comunque punti validi per la classifica finale, dunque possono cambiare la fisionomia dei due gironi e saranno fondamentali per decidere i due tabelloni playoff.

LE AVVERSARIE OGGI
Essendo prima in classifica a Est, l’OraSì giocherebbe in casa contro la seconda, la terza e la quarta del girone Ovest, ovvero ad oggi Casale Monferrato, Agrigento e Biella (al netto dei risultati del turno infrasettimanale, a giornale già in stampa). Giocherebbe invece fuori casa con le tre squadre che la precedono quindi, in un ipotetico orologio, le ultime  della classifica del girone Ovest, cioè Eurobasket Roma, Capo d’Orlando e Bergamo.

LA CLASSIFICA
In questo momento, comunque, il primo obiettivo è il primo posto, da blindare a tutti i costi. A Est è corsa a due tra Ravenna e Forlì. Dopo le sfide di domenica scorsa, le due romagnole dominano il girone e l’OraSì, prima del turno infrasettimanale di mercoledì scorso, si trova ad avere 10 punti di vantaggio sulla terza in classifica e 4 su Forlì con la quale peraltro è 2-0 anche negli scontri diretti. Il che vorrebbe dire che in caso di arrivo a pari punti sarebbe Ravenna a piazzarsi davanti in classifica.

IL CALENDARIO
Domenica 9 febbraio si gioca il 23° turno di campionato con l’OraSì che alle ore 18 riceve al Pala de André la Cestistica San Severo. Dopo quella mancheranno tre partite al termine della regular season che consta di 26 turni. Dopo San Severo, l’OraSì sarà impegnata il 16 febbraio a Orzinuovi, il 23 in casa con Mantova, infine il 1° marzo a Montegranaro. L’Unieuro Forlì domenica 9 è di scena a Verona, il 16 riceve Roseto, poi andrà a Piacenza il 26 febbraio, quindi conoscendo già il risultato dell’OraSì, e chiuderà il 1° marzo in casa con Imola. Non si può dire quale sia il calendario più favorevole per le due romagnole poiché è vero che l’OraSì, a parte Mantova, giocherà con squadre di bassa classifica, ma si tratta di formazioni che avranno il coltello fra i denti. Forlì andrà invece a Verona, una squadra che vuole rilanciarsi, e chiuderà col derby con Imola e i derby sono sempre un terno al lotto. Sarà poi fondamentale la tenuta fisica delle squadre poiché tra regular season e orologio ci sarà anche la Coppa Italia a creare stress. Per entrambe quindi si tratta di altre 10 partite più le eventuali 3 di Coppa.

I PLAYOFF
La griglia dei due tabelloni playoff verrà formata al termine della fase a orologio con la nuova classifica scaturita da quelle sei partite. Sono due i tabelloni per altrettante promozioni in A. Nel primo accedono la prima, la terza, la quinta e la settima del girone Est con la seconda, la quarta, la sesta e l’ottava dell’Ovest. Nell’altro la prima, la terza, la quinta e la settima dell’Ovest con la seconda, la quarta, la sesta e l’ottava dell’Est. Si parte dai quarti con sfide incrociate con la migliore classificata che affronta la peggiore dell’altro girone e così via, serie al meglio delle 5 e «bella» in casa della migliore classificata. 
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione