Vai a https://www.regione.emilia-romagna.it/ucraina
Vai a  https://www.agriturismo.emilia-romagna.it/

Basket A2, OraSì Ravenna a pezzi in Coppa Italia: «Sfortunati, ma carichi»

Romagna | 11 Marzo 2022 Sport
Riccardo Sabadini
Il Covid sembra davvero avere un conto in sospeso con l’OraSì Ravenna: se due anni fa aveva impedito lo svolgimento della Final Eight che si sarebbe dovuta svolgere nella città di Dante Alighieri, dove Ravenna arrivava da prima testa di serie, quest’anno si è accanito nuovamente contro i giallorossi che saranno costretti ad affrontare la manifestazione decimati dal virus che ha appiedato buona parte della rosa, oltre a coach Lotesoriere (che venerdì avrà il tampone di uscita e che potrà andare in panchina solo in caso di responso negativo). Proprio con lui abbiamo parlato a tutto tondo del momento OraSì.
Coach, la qualificazione alla Final Eight di Coppa Italia è un premio per lo straordinario lavoro fatto finora, è un peccato arrivarci non al 100%. 
«Ci teniamo molto ad esserci, vogliamo comunque onorare al meglio l’impegno per quelle che sono le nostri condizioni. È una vera sfortuna, avevamo evitato il Covid fino a questo momento ed invece, tutti con tre dosi, siamo stati colpiti duramente proprio alla vigilia di questo appuntamento. Ma fa parte del gioco e cercheremo comunque di dare il massimo».
Come si prepara una competizione di questo genere?
«In realtà l’unica partita che si prepara è la prima perché conosci l’avversaria da tempo, poi con le altre due si fa un lavoro di scouting a monte su tutte le squadre che partecipano alle Final Eight e si va a lavorare su piccoli aggiustamenti, trasferendo alcune informazioni prima delle altre gare».
La prima avversaria sarà Pistoia, che squadra è?
«Pistoia, con le dovute proporzioni, sta facendo quello che stiamo facendo noi nell’altro girone. Erano partiti con prospettive di un campionato tranquillo con l’obiettivo di una salvezza serena per poi centrare qualcosa in più ed invece si sono rivelati una squadra senza un leader tecnico chiaro ma con una solidità e un’identità di squadra che gli sta facendo fare la differenza, grazie alle rotazioni e alla capacità di avere protagonisti sempre diversi. E poi sono gli unici che possono fregiarsi di aver vinto un titolo, la Supercoppa».
La Coppa Italia è un momento di bilanci: il bicchiere è sicuramente più che mezzo pieno.
«Siamo contentissimi di quanto fatto sinora, ma non appagati. Anzi, questo dev’essere la benzina per il finale di stagione; dobbiamo restare coi piedi per terra ed avere il giusto atteggiamento per provare a stare nei quartieri alti della classifica, l’obiettivo sarà provare a mantenere la migliore posizione possibile. Il calendario è complesso, non sappiamo chi prenderemo nella fase ad orologio e più che altro la perdita di un giocatore importante come Oxilia ci mette alla prova nel trovare nuovi equilibri, responsabilizzando maggiormente chi aveva meno minuti».
Possibilità di andare sul mercato?
«La società sta facendo le sue valutazioni, ha massima fiducia nel gruppo ma se dovesse esserci una situazione che fa bene al gruppo e che può aiutarci, proveremo a prenderla in considerazione».
Il momento più bello fino a questo punto?
«La prima vittoria a Cento, ha segnato che c’eravamo, che eravamo tornati e che saremmo stati belli presenti in campionato».
Qualche rimpianto?
«L’unica partita dove potevamo fare meglio è stata quella con Chieti, un altro rimpianto è stato aver giocato per il primo posto a Scafati non al completo». 
Dei giovani è soddisfatto?
«Sono molto contento del percorso che stanno facendo Berdini e Arnaldo. Berdini era già più pronto ma sta facendo un sacco di progressi nelle cose che gli chiedo e su cui lavoriamo che magari non saltano all’occhio ma che mi rendono molto felice. Arnaldo sta facendo un percorso diverso, è al primo approccio nel mondo senior, ma con l’impegno e l’energia ci sta dando una grossa mano pur sapendo che a volte fa errori che fanno parte del suo percorso di crescita. Sono molto contento anche dei ragazzi dell’Under19, pur avendo avuto poco spazio son fondamentali per noi in allenamento». 
E Alessandro Lotesoriere che voto si dà?
«E’ presto per dirlo. Tutti si ricordano le stagioni per come finiscono e non come cominciano quindi aspettiamo di vedere come andrà a finire».
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy (Preferenze Cookie)
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it notizie-romagna-basket-a2-orasa-ravenna-a-pezzi-in-coppa-italia-asfortunati-ma-carichia-n33070 005
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione