«Transmissions» tra Ravenna, New York, l’oriente e RadioRai

Romagna | 22 Novembre 2019 Cultura
Se qualcuno ancora dubitasse del rilievo nazionale e internazionale di Transmissions, il festival delle musiche estreme e d’avanguardia di Bronson Produzioni, quest’anno faticherà davvero a non ricredersi. La kermesse musicale organizzata da Chris Angiolini, titolare del locale di Madonna dell’Albero, quest’anno è ospitata interamente all’Almagià (per la parte concertistica, ma ci sono eventi «off» al Mar e in Darsena) ma soprattutto lega Ravenna a New York, a un «oriente» sempre meno lontano e più inquietante e all’intero Belpaese, visto che una troupe dello storico programma Rai Battiti sarà in città per l’intera tre-giorni (partita giovedì 22) e una corposa selezione dei live sarà trasmessa dalla radio nazionale. Per quest’edizione si torna alla formula dei curatori internazionali, che sono due e si tratta di Martin Bisi (leggendario produttore e musicista rumorista di New York, che ha lavorato con grandi nomi che vanno da Herbie Hancock ai Sonic Youth e per Bronson Produzioni ha appena pubblicato un album) e Radwan Ghazi Moumneh, canadese di estrazione libanese con l’orecchio attentissimo alle più perturbanti sonorità orientali. Detto che in totale a Transmissions suoneranno 17 musicisti da 11 Paesi (una vocazione internazionalista che da qualche anno si ritrova anche in Beaches Brew, l’affollatissimo festival estivo all’Hana-bi di Marina di Ravenna), venerdì 22 all’Almagià, a partire dalle 18, suoneranno la cantautrice ravennate R.Y.F, il frastornante BC35 Collective guidato da Martin Bisi, gli americani Tidal Channel, lo sperimentatore etno-elettronico Sote, i francesi Oiseaux Tempête e i leggendari Live Skull, formazione newyorkese che concorso a plasmare il suono del rock underground degli anni ’80, riformata a decenni dallo sciolgimento e con un nuovo album proprio su Bronson Recordings. Sabato 23 si esibiranno invece i libanesi Two or the Dragon, l’elettronica Alexei Perry Cox, l’alfiera della «Cairo New Wave» Nadah El Shazly, il compositore egiziano Maurice Louca, il duo Xylouris White (con George Xylouris al lauto greco e Jim White dei Dirty Three alla batteria) e infine la producer colombiana-berlinese Lucrecia Dalt.
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione