Al bagno Perla di Punta Marina Cristiano Cavina parla di passato, futuro e della Romagna

Romagna | 28 Luglio 2019 Cultura
al-bagno-perla-di-punta-marina-cristiano-cavina-parla-di-passato-futuro-e-della-romagna
Elena Nencini
Torna al bagno Perla di Punta Marina la rassegna «Perle di libri sulla sabbia», che per la terza edizione entra a far parte del cartellone «Un mare di solidarietà».  Il 29 tornerà, ospite fisso della rassegna, Cristiano Cavina: lo scrittore di Casola Valsenio parlerà di pubblicazioni recenti, ma anche dei prossimi lavori. Con un occhio particolare alla ‘sua Romagna’.
Cos’è la Romagna per lei?
«Un luogo inventato dai suoi abitanti. Non ha confini precisi. Solo alcuni eletti sanno quali sono i suoi confini geografici. E’ un luogo più della fantasia. Quando ero piccolo era fatta di campi di pesche e di un sacco di patacche. Noi romagnoli raccontiamo tante cose che poi ingigantiamo a dismisura. Rendiamo epica la realtà. Se penso a un sapore, un odore è sicuramente il ragù di mia nonna. Non ho ricordi frontali della nonna, ho solo ricordi della sua schiena, con questo grembiulino mentre rimestava, bolliva. Dalla pentola veniva  su un vapore che sembrava la foresta amazzonica. Anche se io sono di una Romagna particolare: a Casola quando fiorisce la lavanda sembra di essere dentro un comodino. E’ una Romagna in minoranza la mia Casola».
Negli ultimi anni ha scritto anche libri per bambini e ragazzi. Forse perché aspetta un altro figlio.
«Si, certo, ma non io personalmente (non gli manca la solita battuta spiritosa nda). Cioè voglio dire sì, aspetto un figlio, ma non proprio io, se no  divento un caso clinico. Scrivere per i bambini mi piace molto perché è divertimento puro, ti scateni con le idee. Scrivere un romanzo per gli adulti è come fare un lego con la scatola originale. Mentre scrivere per i ragazzi è come costruire un lego con i pezzi sparsi».
Insegnerà il dialetto ai suoi figli?
«Sicuramente useranno ciò, ho rimasto. Come fai ad insegnargli a un ragazzino il dialetto? Era una lingua di schiavi una volta, c’erano un migliaio di parole per designare gli strumenti da lavoro. Gli insegnerò i modi di dire, ma tutto il dialetto non ha applicazioni, non c’è la parola per dire moglie, amore, per i figli c’è bastërd. Il dialetto sopravvive rimpastandosi e riaddattandosi, a mio nonno serviva, ma adesso servirà solo per dare colore a certe espressioni».
Il suo ultimo libro «80 rose mezz’ora» è stato censurato da Amazon?
«E’ stato fighissimo, poi è stato accettato di nuovo e messo sotto la  sezione Giardinaggio. Anche le traduzioni in altre lingue stanno avendo qualche problema: perché molti lettori non accettano l’idea che il principe azzurro sia osceno, anche se stuzzica il suo peccato, il suo modo di vedere il sesso. Diciamo non è tanto che scandalizzi lei che fa la escort ma il fatto che l’innamorato approvi: è una cosa un po’ scomoda, a me fa piacere essere un po’ scomodo. Anche se poi questo è il racconto di una storia d’amore, ma non tutti amano pettinati e con la camicia dentro i pantaloni».

Ultimo appuntamento al Bagno Perla sarà il 5 agosto, conAlessandro Bonaccorsi, ideatore del corso di disegno brutto. A presentare le serate saranno la giornalista Federica Ferruzzi e Livia Santini, poetessa e anima di «Un mare di solidarietà». La rassegna nasce in collaborazione con Media Romagna - Setteserequi, Assoturismo, hotel Diana e libreria Liberamente.
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione