Ravenna, Crisi del libro, Pozzi (Fernandel): "Il futuro dei piccoli editori sarà sempre di più l'on-line""

Ravenna | 31 Gennaio 2020 Cronaca
Se per molti librai Amazon è una delle cause della crisi che sta colpendo il settore, per i piccoli e medi editori l’azienda statunitense rappresenta invece mediamente la metà del proprio fatturato: una percentuale che, se si guarda all’on-line in generale, supera il 70%. A raccontare l’altra faccia della medaglia è Giorgio Pozzi della casa editrice Fernandel. «Dare la colpa ad un solo fattore mi sembra riduttivo e consolatorio. Vorrei sottolineare che Amazon non è l’unico modo di reperire libri on-line, ma è solo un termine che racchiude un fenomeno e che esistono tanti altri siti, come Ibs e libreria universitaria ad esempio, dove si possono acquistare titoli di piccoli e medi editori che, diversamente, non troverebbero spazio nelle librerie fisiche. Personalmente non ho una risposta al problema generale, di sicuro il modo di fare distribuzione libraria è vecchio ed è legato al mercato di cinquant’anni fa. Credo che andando avanti le cose potranno solo cambiare in peggio e che i piccoli editori saranno sempre più fuori dalle librerie fisiche e sempre più sull’on-line, ma questo implica che ci saranno sempre meno lettori forti». Secondo Pozzi dare la colpa alla Rete è però riduttivo. «La libreria Paravia di Torino ha chiuso dando la colpa ad Amazon, ma prendersela con questo colosso è solo un modo per piangersi addosso: lui fa quello che deve e lo fa bene, ma ha dei limiti che le librerie fisiche potrebbero superare ad esempio recuperando il rapporto di fiducia che un tempo il lettore stabiliva con il libraio». Un rapporto che per fortuna non è del tutto scomparso, come spiega Pozzi. «Per tante piccole librerie indipendenti che chiudono, ce ne sono altre in controtendenza, come nel caso della libreria Liberamente di Matteo Diversi, che si è costruita un’identità propria anche grazie ad iniziative quali la presentazioni di libri e la realizzazione di bibliografie. Un valore aggiunto che nelle grandi catene, dove spesso i librai sono poco più che commessi, non si trova. Putroppo i librai che conoscono i nostri gusti e che sanno consigliare sono sempre più rari». (fe.fe.)
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione