Basket A2 donne, è stato un 2018 con voti altissimi per l'InfinityBio

Faenza | 30 Dicembre 2018 Sport
basket-a2-donne-au-stato-un-2018-con-voti-altissimi-per-linfinitybio
Luca Del Favero
Si chiude un 2018 da record per l’InfinityBio, passata in pochi mesi da matricola della serie A2 a sfiorare la promozione in A1, senza dimenticare il terzo posto attuale. Una cavalcata all’insegna della continuità, perché ben sei giocatrici della scorsa stagione fanno ancora parte del roster, a testimonianza della progettualità della società. Le uniche che hanno salutato la compagnia sono state Coraducci e Minichino (ci sarebbe anche Tridello, ma non ha lasciato il segno), entrate però entrambe nel cuore del tifo del PalaBubani, riscopertosi lo scorso 27 maggio il solito «luogo di culto» della pallacanestro femminile faentino. Questo il pagellone del 2018.
BALLARDINI 9
Nonostante l’età e gli acciacchi avuti in carriera, in A2 vince ancora le partite da sola: per informazioni chiedere a Villafranca nella finale playoff di A2 e a Palermo regolato poche settimane fa. Anche nei panni di allenatrice sta dimostrando di cavarsela egregiamente. Il suo segreto? Motivare le sue giocatrici per farle rendere al meglio.
SCHWIENBACHER 7.5
Maturata in frettissima, la playmaker è diventata una giocatrice di A2. Grinta e fisico sono le sue armi in più e se poi si mette anche a segnare canestri impossibili come quello con Bologna...…
FRANCESCHELLI 8
Che avesse talento lo si sapeva dai tempi della Magika Castel San Pietro, ma che in difesa fosse così determinante, in pochi se lo sarebbero immaginato. È stata la chiave dei play off annichilendo le migliori realizzatrici avversarie, alzando inoltre la sua media punti fino alla doppia cifra, tanto da meritarsi la convocazione in nazionale. Peccato per l’infortunio alla mano che la farà rientrare a fine gennaio.
SOGLIA 7
Faentina doc che è entrata nel mondo dell’A2 senza timori reverenziali. Soffre ancora la fisicità delle pivot più esperte, ma sotto canestro non è certo timida e soprattutto sfoggia le grandi qualità al tiro. Pure lei è cresciuta nel corso dei mesi per merito della cura Ballardini, che sarà anche simile a quella del sergente maggiore Hartman di Full Metal Jacket, ma le ha fatto davvero bene. Non a caso è ritornata nel giro delle nazionali giovanili.
MORSIANI 8
Togliamo ogni dubbio: stiamo parlando di una giocatrice da serie A1 che per scelta di vita ha deciso di non intraprendere la carriera da professionista. Mani dolcissime e pericolosità a rimbalzo sono le sue armi in più, potendo avere anche la licenza di tirare da tre, arma con cui ha colpito e affondato molte squadre. Il ruolo di chioccia del gruppo le piace molto e si vede che ha feeling con il gioco di Ballardini. A giugno è stata premiata con la chiamata in nazionale, anche se tra le riserve: convocazione assolutamente meritata.
CACCOLI 6.5
Capitana, mia capitana. Dalla C all’A2 lottando e sgomitando senza mai tirarsi indietro: quella di Caccoli è una sorta di favola tutta faentina e lei è stata bravissima a farsi trovare pronta quando chiamata in causa. Con la determinazione ha sempre sopperito al gap d’esperienza e tecnica con le avversarie più esperta, ma per il cuore che mette in campo sarebbe da Eurolega.
PRESKIENYTE 7.5
Come se ci meravigliassimo che Cristiano Ronaldo stia segnando a raffica anche con la Juventus… La lituana è una delle migliori pivot del campionato, una pedina fondamentale per chi punta alla promozione. Nella scorsa stagione ha fatto molto male a Faenza con la maglia di Palermo e così quest’anno è sbarcata in Romagna mettendosi subito in luce. Canestri, rimbalzi, tiri da tre e tanta leadership sono le qualità di una delle big.
FRANCESCHINI 7
«La ragazza si farà…», parafrasando De Gregori, ma nonostante abbia soltanto 17 anni si era già messa in luce da anni a livello giovanile. Anche in A2 ha mostrato tanta faccia tosta, guadagnandosi minuti preziosi e togliendosi lo sfizio di spostare l’inerzia del match contro l’imbattuta capolista Campobasso.…
MESCHI 6.5
Pure lei è una delle riserve di lusso dell’InfinityBio, brava a dare il cambio alla titolare e calatasi subito nella nuova realtà. Non è molto appariscente nelle sue giocate, ma riesce a fare la cosa giusta al momento giusto. 
POLICARI 6
Tre sole partite in maglia faentina non possono portare ad un giudizio, ma ha già dimostrato di aver già capito la filosofia della società.
ZANETTI 5.5
La sua esperienza a Faenza è durata soltanto nove partite poi ha scelto di rescindere il proprio contratto per motivi personali.
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.teleromagna.it
Vai a https://www.trony.it/online/laws/Offerta-lavoro-dml-programmatore-faenza-15-11-2016
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

via Zanelli, 8
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544 1880790
Faenza - tel. 0546 20535
E-mail: pubblicita@settesere.it
Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Proprietario “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione