Uova e colesterolo, per saperne di più

Emilia Romagna | 16 Aprile 2022 Buon Appetito
uova-e-colesterolo-per-saperne-di-pia1
Gaia Nonni - L’associazione tra uova e colesterolo è un tema molto combattuto, che le ha portate nel tempo ad essere demonizzate per il loro contenuto di colesterolo, al punto tale che spesso vengono eliminate dalla propria alimentazione o drasticamente ridotte perché associate all’innalzamento del colesterolo nel sangue. Ma è davvero così? Numerosi studi scientifici e ricerche recenti hanno fatto chiarezza su questo tema ed è emerso che non è così stretta, come si pensava, la correlazione tra assunzione di colesterolo alimentare e rischio cardiovascolare.
Molte persone non sanno che il colesterolo è per la maggior parte autoprodotto dal nostro fegato (circa l’80%), mentre solo una piccola parte viene introdotta con l’alimentazione. È stato dimostrato che la principale causa di uno sbilanciamento nel profilo lipidico (trigliceridi, colesterolo buono e colesterolo cattivo) non è tanto da attribuirsi al colesterolo alimentare in sé, ma al consumo di grandi quantità di zucchero e di acidi grassi saturi e acidi grassi trans o idrogenati (presenti nella maggior parte prodotti industriali), accompagnato allo scarso utilizzo di fibra, di verdure e di acidi grassi essenziali (omega 3 e omega 6, spesso chiamati «grassi buoni»).
Inoltre, sull’aumento dei livelli di colesterolo svolgono un ruolo importante anche l’attività motoria ed il movimento fisico: fattori determinanti per regolarizzare sia il fattore lipidico sia quello glicemico. Bisogna, quindi, tenere presente che non è un singolo alimento a giocare un ruolo così deciso nei confronti dei valori di colesterolo nel sangue, ma la nostra alimentazione nel suo complesso.
È fondamentale, pertanto, evitare il consumo di prodotti industriali o da forno, di farine raffinate, di grandi quantità di zuccheri, privilegiando, al contrario, i cereali integrali e il consumo di elevate quantità di verdure cotte o crude, ottima fonte di fibre.
Bisogna prediligere, inoltre, il frequente consumo di pesce bianco e di legumi (ceci, fagioli, lenticchie, piselli, ecc.) da associare ai cereali, rinunciando all’utilizzo costante di carni, formaggi ed incassati.
Le uova ad oggi sono quindi state ufficialmente «riabilitate» e possono essere consumate anche e soprattutto da chi ha problematiche di ipercolesterolemia.
Ma perchè sono così importanti nella nostra alimentazione? E quante ne possiamo mangiare? Le uova, sono in primis un’importante fonte di nutrienti essenziali molto preziosi per la nostra salute, a partire dalle proteine nobili che compongono l’albume, per seguire  con i grassi presenti nel tuorlo, principalmente mono e polinsaturi e una buona percentuale di acidi essenziali, per terminare con l’alta concentrazione di vitamine e di sali minerali in particolare vitamina A, vitamina B12, acido folico, ferro e fosforo, oltre ad antiossidanti come luteina e zeaxantina utili per la salute degli occhi.
Per quanto concerne la frequenza del loro consumo settimanale, l’ultima revisione delle linee guida della Società italiana di nutrizione, lo raccomanda da 1 a 4 uova alla settimana, anche nelle persone che hanno problematiche di salute.

LA RICETTA

Uova sode alla barbabietola

Per prima cosa preparate le uova sode. Tagliate le barbabietole precotte a cubetti e ponetele in contenitore dai bordi alti. Frullate le barbabietole utilizzando il frullatore ad immersione ed allungando con 2-3 dl di acqua in modo da ottenere una crema. Trasferite le uova sgusciate in una ciotola e copritele con il succo di barbabietola. Coprite con la pellicola per alimenti e ponete in frigorifero per almeno 3 ore. Trascorso questo tempo prelevate le uova e tamponatele con la carta assorbente. Tagliatele a metà e utilizzate le uova sode alla barbabietola per la ricetta che preferite, possono essere un antipasto sfizioso per il pranzo di Pasqua o un’ottima idea di cena!


*La prossima puntata di «Buon Appetito» uscirà venerdì 29 aprile. Per ulteriori informazioni potete scrivere alla nutrizionista sulla mail gaianonni@libero.it
 
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy (Preferenze Cookie)
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it notizie-emilia-romagna-uova-e-colesterolo-per-saperne-di-pia1-n33596 005
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione