Ravenna, prevenzione Coronavirus, alla sanità Marittima del Porto arrivano due medici in più

Emilia Romagna | 11 Febbraio 2020 Cronaca
Effetto Coronavirus, il ministro alla Sanita' Speranza accoglie la richiesta del sindaco di Ravenna De Pascale: arriveranno due medici in più per rafforzare l'ufficio di sanità marittima del porto bizantino. Lo ha annunciato lo stesso primo cittadino intervenendo alla riunione degli operatori portuali lunedì nel tardo pomeriggio, per affrontare il tema dei controlli per prevenire la diffusione del Coronavirus. 
La direzione dell’Usmaf verrà presa dal dottor Alessandro Lattanzi che avrà giurisdizione su Toscana e Emilia Romagna.La richiesta di colmare la carenza di personale dell'Usmaf andava avanti dal 2013 ed  è sempre stata ribadita da istituzioni e operatori del porto: Alessandra Riparbelli per i doganalisti, Franco Poggiali e Carlo Cordone degli agenti marittimi, Danilo Belletti per gli spedizionieri, Riccardo Martini per gli utenti.
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione