settesere it notizie-emilia-romagna-il-discorso-del-presidente-mattarella-a2021-anno-della-ripartenza-vaccinarsi-un-doverea-n27128 001

Il discorso del presidente Mattarella: «2021 anno della ripartenza, vaccinarsi un dovere»

Emilia Romagna | 01 Gennaio 2021 Blog Settesere
il-discorso-del-presidente-mattarella-2021-anno-della-ripartenza-vaccinarsi-un-dovere
"Questo è il mio ultimo anno al Quirinale" e sarà un anno interamente dedicato alla ripartenza dell'Italia. Sergio Mattarella chiude con quest'assicurazione personale il suo sesto discorso agli italiani.

Ripartenza è infatti la parola chiave di un messaggio sobrio, a tratti doloroso, ma che in appena 14 minuti ha sferzato la politica chiedendo uno scatto morale che allontani i partiti dalla tentazione di capitalizzare "illusori interesse di parte". Un accenno forse ai venti di crisi che agitano la maggioranza in questi giorni di festa e che non sarebbero compresi dentro un'emergenza che non ha precedenti nel dopoguerra. Il presidente della Repubblica, per la prima volta apparso ai cittadini in piedi di fronte al cortile d'onore del Quirinale con la mascherina in vista appoggiata sul leggio, è andato subito al sodo attaccando il tema del giorno, il negazionismo sui vaccini: "la scienza ci offre l'arma più forte, prevalendo su ignoranza e pregiudizi. Vaccinarsi è una scelta di responsabilità, un dovere. Tanto più per chi opera a contatto con i malati e le persone più fragili", scandisce con estrema serietà il capo dello Stato.

"Io lo farò non appena possibile", garantisce dopo aver più volte sottolineato come oggi la scienza sia l'unico faro ad illuminare una strada mai stata così buia. Ma chiuso il capitolo vaccini, il presidente si concentra sul prossimo futuro, sulla ripresa economica, sulla necessità di non perdere l'occasione del Recovery fund. E di non cadere nell'errore - questo l'invito al governo - di disperdere gli oltre 200 miliardi in via di stanziamento in mille rivoli. "Il piano europeo per la ripresa, e la sua declinazione nazionale - che deve essere concreta, efficace, rigorosa, senza disperdere risorse - possono permetterci di superare fragilità strutturali che hanno impedito all'Italia di crescere come avrebbe potuto".

Insomma, il capo dello Stato non fa sconti a nessuno e ricorda che non ci sono alternative: "il 2021 deve essere l'anno della ripartenza". E perché sia così serve gettare il cuore oltre l'ostacolo, serve "cambiare ciò che va cambiato, rimettendosi coraggiosamente in gioco". Coraggio, quindi. L'emergenza è tale da non permettere mezze misure. Non a caso Mattarella usa un termine evocativo, di forte impatto, quasi a voler ripulire il palcoscenico politico da scorie ancora recenti: "è l'ora dei costruttori", sillaba immediatamente, richiamando alla memoria il suo contrario, quanti anche in politica hanno martellato, spezzettato, rottamato per scalare, pur legittimamente, consensi. Il 2021 non può più essere quel tempo, deve essere l'anno della ricostruzione, dell'unita "morale e civile". "Non viviamo in una parentesi della storia. Questo è tempo di costruttori. I prossimi mesi rappresentano un passaggio decisivo per uscire dall'emergenza e per porre le basi di una stagione nuova".



 
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy (Preferenze Cookie)
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it notizie-emilia-romagna-il-discorso-del-presidente-mattarella-a2021-anno-della-ripartenza-vaccinarsi-un-doverea-n27128 005
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione