Contro il diabete serve un’alimentazione bilanciata

Emilia Romagna | 23 Novembre 2022 Buon Appetito
Gaia Nonni - Il 14 novembre è stata la Giornata Mondiale del diabete e un’occasione molto importante per informare e sensibilizzare l’opinione pubblica sulla prevenzione e gestione di questa malattia. In effetti, questo problema sta crescendo di proporzioni: secondo l’Oms, nel mondo, i decessi attribuiti ogni anno al diabete sono un milione e mezzo; il 9% degli adulti ne è colpito  e il 90% delle persone che ne soffrono sono affette da diabete di tipo 2. Si stima che questi numeri, già così piuttosto preoccupanti, siano destinati a crescere se non verranno messe in atto delle misure preventive. Ma andiamo per ordine: che cos’è il diabete? È la più comune tra le malattie metaboliche ed è caratterizzata da un’insufficiente produzione di insulina da parte del pancreas, il che non consente all’organismo di metabolizzare in maniera corretta i carboidrati e può portare ad un aumento del glucosio nel sangue (iperglicemia). Esistono due principali forme di diabete: quello di tipo 1 che tende ad insorgere in età giovanile ed è legato a una distruzione anomala delle cellule pancreatiche che producono insulina e il diabete di tipo 2, che invece tende a insorgere in età adulta, è dovuto a un malfunzionamento della produzione di insulina ed è spesso associato all’obesità e a uno stile di vita non corretto. Quest’ultima tipologia di diabete è considerata una malattia multifattoriale, cioè scatenata da più cause, tra le quali la predisposizione genetica e l’azione di fattori ambientali. Tra questi ultimi, un ruolo di rilievo lo giocano il sovrappeso , l’obesità, o un’alimentazione sbilanciata e ricca di grassi saturi e zuccheri semplici. Il diabete può associarsi anche ad altre malattie metaboliche come ,ad esempio, l’ipertensione arteriosa, ma l’iperglicemia resta la sua prima conseguenza  e può essere asintomatica oppure manifestarsi con sintomi specifici. Diagnosticare la malattia in tempo è fondamentale per evitare le complicanze, anche molto gravi, che potrebbero svilupparsi a lungo termine: problemi alla retina, ai reni, ai nervi periferici e al cuore. Fortunatamente, grazie al diffondersi dei criteri di riconoscimento precoce dei sintomi che caratterizzano l’esordio della malattia nei bambini e negli adolescenti (tanta sete, tanta pipì, forte dimagrimento), sono sempre di più i casi di tempestiva presa in carico, prima del manifestarsi dello stato di chetoacidosi. Tuttavia, in Italia, circa il 30 % dei casi di diabete  viene ancora intercettato tardivamente e solo alla comparsa di gravi complicanze acute.
Una volta ottenuta la diagnosi, oltre a una terapia farmacologica appropriata  impostata con un diabetologo, è importante anche effettuare esami di controllo per tenere monitorato lo sviluppo della malattia. Anche la dieta, però, è essenziale e i motivi principali sono due: il livello glicemico dipende anche dagli zuccheri che vengono assunti con il cibo e l’eccesso di peso corporeo va tenuto controllato per evitare l’insorgenza del diabete di tipo due. Per questo avere una dieta equilibrata è tanto importante; un’alimentazione eccessiva, rispetto alle reali necessità, aumenta, infatti, il fabbisogno di insulina, costringendo il pancreas a lavorare in maniera eccessiva. Diversamente da ciò che si può  pensare, però, la dieta ideale per il diabete non è particolarmente complessa né troppo restrittiva. Deve preferibilmente essere composta da cibi non processati e da alimenti integrali, che saziano in maggiore misura rispetto ai prodotti raffinati e che rallentano l’assorbimento dei carboidrati tenendo più bassi i valori della glicemia. Nell’alimentazione quotidiana va limitata l’assunzione di alimenti ricchi di zuccheri semplici ad assorbimento rapido (come il glucosio e il saccarosio) in favore degli zuccheri complessi ad assorbimento lento (gli amidi). Non si deve pensare, però, che eliminare completamente l’assunzione di zuccheri possa essere una buona idea perché potrebbe portare a squilibri metabolici con gravi conseguenze negative su altri organi, i reni per esempio. Anche l’apporto di fibre vegetali, di vitamine e di sali deve essere adeguato e per questo è importante farsi seguire da professionisti.
Per rendere più dolci alcune pietanze è consentito l’uso dei dolcificanti, ma senza esagerare perché alcuni presentano delle controindicazioni: per esempio il fruttosio, lo xilitolo e il sorbitolo sono calorici e, quindi, vanno calcolati nel computo totale delle calorie giornaliere; inoltre, sia lo xilitolo che il sorbitolo, ma anche l’aspartame e la stevia, possono avere un effetto lassativo se assunti in quantità eccessiva. Nella preparazione dei cibi è  buona norma preferire i metodi di cottura più semplici: al vapore, alla piastra, al forno, ecc.. mentre sarebbero da evitare le fritture o le preparazioni ricche di olio. Insomma, in questa problematica come in molte altre, un’alimentazione bilanciata rappresenta un alleato fondamentale nella lotta contro la malattia. Seguire una dieta controllata e sana aiuta soprattutto a mantenere sotto controllo il livello di zuccheri nel sangue mediante un corretto apporto alimentare di tutti i nutrienti necessari alla salute dell’organismo.


LA RICETTA
Polpette di pollo e verdure

Ingredianti: 300 g di petto di pollo, 150 g di broccoli, 150 g di carote, 1/2 cipolla, curcuma qb, latte d’avena qb, corn flakes (fiocchi di mais) o quinoa flakes qb. Procedimento: in un frullatore frulla mezza cipolla. Unisci alla cipolla i broccoli e le carote precedentemente pelate. Trita il tutto. A parte trita il petto di pollo fino ad ottenere un macinato. Unisci al macinato di pollo sale, curcuma e verdure tritate. Impasta il tutto e crea tante polpette. Frulla i classici corn flakes fino ad ottenere una farina. Prima bagna le polpette nel latte d’avena e poi impanale nei corn flakes. Disponile su una teglia foderata con carta da forno e cuocile in forno preriscaldato ventilato per 20 min a 160°.

 
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy (Preferenze Cookie)
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it notizie-emilia-romagna-contro-il-diabete-serve-unaalimentazione-bilanciata-n36520 005
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione