Adottare un meticcio: le indicazioni dell’educatrice cinofila ed addestratrice Zaira Mor

Emilia Romagna | 17 Settembre 2022 Qua la zampa
Nella scorsa uscita abbiamo visto l’importanza del pedigree e di come sia vietata la vendita di pseudo cani di razza. Questa volta vogliamo parlare di come orientarsi per la scelta di un cane nel mare magnum di appelli, associazioni e canili.
Se volete prendere un meticcio avete solo l’imbarazzo della scelta! Vi basta aprire Facebook o i motori di ricerca e troverete migliaia di annunci: da quelli strappalacrime per cani con gravi problemi di salute a cuccioli che sembrano peluche, a rinunce di proprietà con occhi tristi relegati in un box. Chiunque mette annunci dice che ogni cane merita una casa e tanto amore, così, spesso per il buon cuore di chi cerca un compagno a quattro zampe, ci si ritrova a vivere un incubo dovuto al fatto che molti cani hanno problemi comportamentali o traumi, omessi al momento dell’adozione, che richiedono tanto lavoro, pazienza e soprattutto l’aiuto di un professionista. Senza tralasciare che alcuni traumi non possono essere guariti, ma solo migliorati. Vi faccio alcuni esempi: cani che vivono rintanati sotto i divani, cani che abbaiano a qualunque cosa vedono o sentono, cani che non tollerano il contatto umano per traumi passati, cani incompatibili con la vita in città perché vivevano randagi in campagna o altri che difendono il cibo o la loro cuccia mordendo. Allora come scegliere? Innanzitutto un’associazione seria nell’annuncio, oltre ai dati generici del cane, specifica il profilo comportamentale dell’animale, previa valutazione fatta da un professionista. Non basta dire: compatibile con altri cani o gatti, ma sapere se il cane è in grado di stare in un contesto urbano (rumori, auto etc.), se ha paura o meno dell’uomo, se ha delle competenze tipo andare al guinzaglio e se ha traumi o paure evidenti. In caso di rinuncia di proprietà è bene sapere i motivi di tale rinuncia, perché potrebbe essere lo stesso che vi spingerebbe a prendere la medesima decisione. Ovvio che tutto questo è più difficile con i cuccioli, ma sapere se sono figli di un cane randagio o dove e come sono stati trovati, se il cucciolo era solo o con fratelli, può aiutarvi a capire cosa state per portarvi a casa. Se avete dei dubbi fatevi aiutare da un professionista che potrà supportarvi nella scelta più idonea a voi e alla vostra condizione. Per info Zaira Mor, mor.zaira@gmail.com
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy (Preferenze Cookie)
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it notizie-emilia-romagna-adottare-un-meticcio-le-indicazioni-dellaeducatrice-cinofila-ed-addestratrice-zaira-mor-n35585 005
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione