Viabilità fra Ravenna e Forlì, la Ravegnana riapre prima della fine dell'estate

Emilia Romagna | 03 Aprile 2019 Cronaca
Entro la fine dell’estate la Ravegnana, dopo almeno otto o nove mesi (se non dieci) di chiusura al traffico, con tutta probabilità riaprirà. Gli annunci che l’Amministrazione comunale aveva fatto in febbraio sulle tempistiche paiono oggi confermati dall’aggiudicazione dell’ultima tranche dei lavori al consorzio Coseam di Modena, che dovrà consolidare la strada con una serie di palancole ai lati che serviranno a preservarla dalle infiltrazioni e ricostruire la porzione di ponte crollata. Opere per un valore di 460mila euro a carico della Regione Emilia-Romagna. La ss67 che collega Ravenna e Forlì è stata chiusa il 25 ottobre scorso a seguito del crollo del ponte sulla chiusa di San Bartolo sul Ronco, incidente nel quale ha perso la vita Danilo Zavatta, il tecnico della protezione civile che era impegnato in un sopralluogo. 
Da allora i disagi per i cittadini sono stati all’ordine del giorno, visto che gli automobilisti sono costretti a passare dalla viabilità secondaria, non sempre agevole. Ma i problemi sono ancora oggi importanti anche per i commercianti del tratto chiuso al traffico, rimasti nei fatti senza lavoro. 

LE FASI DOPO L’EMERGENZA
Mauro Vannoni, responsabile regionale dell’area Romagna Difesa del suolo e Protezione civile, ha fatto sapere che sui tempi c’è stata fin da subito molta solerzia, visto che dal 26 ottobre non si è perso un attimo per ripristinare la situazione. Mentre la prima fase ha visto l’installazione delle prime palancole utili a tenere a bada le infiltrazioni di acqua sotto il terreno, la seconda ha visto una serie di analisi dettagliate per studiare al meglio le conseguenze del crollo. Quella che partirà grazie all’ultima aggiudicazione è la quarta fase. Già un paio di mesi fa la Regione aveva spiegato che pur sembrando, all’apparenza, una situazione facile da gestire, quella della Ravegnana nel punto del crollo è in realtà una condizione complessa che mette insieme i problemi della  chiusa, della sponda, della strada e degli argini, senza dimenticare gli aspetti irrigui. Situazione paragonata dagli esperti a quella del ponte Morandi di Genova.  «Siamo consapevoli del disagio che la situazione sta creando a migliaia di famiglie e alle attività economiche che insistono su un territorio davvero molto vasto - aveva detto il sindaco Michele De Pascale durante la presentazione dei primi lavori - e pensiamo che la rabbia e la frustrazione di chi ha bisogno di utilizzare la Ravegnana siano giustificate. Ma si è lavorato fin da subito giorno e notte per evitare di perdere tempo». 
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Proprietario “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi editoria L. 250/90


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione