Ravenna, il fronte del sì della piscina: “Il progetto si fara’“

Romagna | 10 Marzo 2019 Cronaca
«La situazione è surreale». Alessandro Bondi, presidente del Csi Ravenna, in merito al progetto di demolizione e rifacimento della piscina comunale non sa più cosa pensare: “Nella riunione che l’assessore allo Sport Roberto Fagnani organizzò con le società sportive la situazione era sembrata, tutto sommato, tranquilla, sebbene non fossero mancate le perplessità. Poi, a un tratto, veniamo a sapere dai giornali che una serie di associazioni ha firmato una lettera contro quello che viene definito un progetto ma che in realtà è solo una proposta. Lettera che arriva a ridosso del consiglio comunale in cui si doveva deliberare dei lavori, come se i detrattori si siano svegliati all’ultimo. Davvero, non capisco perché tutta la contrarietà espressa fuori dai meccanismi della politica, come le petizioni, non sia stata manifestata prima». Per Bondi la realtà è solo una: «Rifare la piscina è l’unica soluzione possibile. Poi possiamo essere perplessi sulle tempistiche, che difficilmente saranno quantificate in sei mesi, così come possiamo parlare della necessità di avere un impianto adatto a gare nazionali e internazionali, anche se bisogna capire se una struttura del genere sia in grado di lavorare anche con l’utenza tradizionale, durante tutto l’anno. Fatto sta che far scoppiare una polemica così forte intorno a un’idea mi è sembrato eccessivo». 

«POLEMICHE STERILI»
Sulla stessa linea Gabriele Tagliati, presidente della Uisp, che parla di«una discussione che è sfuggita di mano a tutti». La posizione dell’ente di promozione è rimasta ferma nonostante le polemiche e il documento firmato da undici associazioni per bocciare l’ipotesi progettuale di Ar.Co Lavori: «Secondo noi l’esigenza di mettere mano alla piscina è indiscutibile, non si può fare diversamente. Al tempo stesso, costruire una piscina nuova da un’altra parte significa far morire il luogo dove esiste quella attuale, che ha comunque vincoli sportivi. Diciamo anche che la necessità di avere una seconda piscina in aggiunta alla “Gambi”, personalmente, non la vediamo. Quindici anni fa, a Ravenna, c’era un problema di overbooking che oggi, davvero, non esiste più». Ma c’è anche un ragionamento più tecnico e sottile, secondo Tagliati, da fare: «Ho sentito molte polemiche sul fatto che, in base alle stime di Ar.Co lavori, i prezzi di ingresso alla piscina saliranno a circa 8 euro. Ecco, noi troviamo che sia un prezzo di mercato in linea con altre piscine italiane e che comunque vada apprezzata la scelta del Comune di voler continuare a dare un contributo alla società che gestirà l’impianto, così come fa ora con Nuova Sportiva, per impedire che i prezzi diventino quelli di un privato allo stato puro. L’opzione del project financing fa sì che il privato debba comunque trovare un obiettivo economico: in questo senso trovo sterili le discussioni su ristorante, Spa e centro benessere». 
Pretestuose, per il presidente della Uisp, anche le polemiche sull’esigenza di avere una piscina adatta a competizioni nazionali e internazionali: «Improvvisamente Ravenna si sveglia con questa necessità, che ci sembra più che altro una strumentalizzazione. Nelle varie tappe che hanno caratterizzato il percorso, a un tratto si è smesso di parlare di piscina e si è iniziato a fare politica. Il Comune mai hadetto che avrebbe costruito la piscina più bella d’Italia o un impianto olimpionico. Abbiamo però il bisogno di averne una più bella, più moderna, più pulita, più comoda, più attrattiva. E se saremo costretti a fermarci per sei mesi, che forse diventeranno otto e forse dieci, sarà il male minore. Senza dimenticare che tutto il polverone si è sollevato su un progetto che un progetto non è, visto che si tratta di una bozza e che il bando di gara deve ancora uscire». 
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Incredibile che due associazioni come la Uisp e la Csi non appoggino iniziative che portano beneficio a tutto il movimento. Veramente un contro senso
Commenta news 14/03/2019 - AB
Società minori contrarie? Ditelo meglio che tra le 13 società che usufruiscono della piscina solo uisp è a favore. Con il progetto attuale la piscina non potrà essere omologata x alcun tipo di competizione. Aprite gli occhi!!
Commenta news 09/03/2019 - Lo
I presidenti di CSI e UISP dovrebbero allargare i propri orizzonti e guardare un po' cosa succede nelle realtà moderne e lungimiranti fuori Ravenna (v. Riccione per esempio) prima di esprimere un parere.
Commenta news 09/03/2019 - Giulio
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Proprietario “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi editoria L. 250/90


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione