Musica sottoterra e non solo classica alla Cava Marana

Romagna | 07 Giugno 2019 Cultura
musica-sottoterra-e-non-solo-classica-alla-cava-marana
Sandro Bassi
Nuove sonorità per «Recondite armonie», il ciclo di concerti alla ex Cava Marana sui Gessi di Brisighella che prenderà il via venerdì 7 giugno, alle 21, e che si protrarrà con cinque appuntamenti, fino al 12 luglio, sempre di venerdì e sempre alle 21. A curare la rassegna è la scuola Sarti per conto del Parco regionale Vena del Gesso che in questo caso è anche proprietario del sito. Non ci si limita più alla sola classica perché già nel primo concerto i cinque musicisti di «Romagna Brass 10.0» con trombe, corno, trombone e tuba suoneranno pezzi di Morricone e dei Beatles. Nel secondo ben undici componenti del liceo musicale statale di Forlì proporranno Piazzolla e Gerassimez assieme a Mozart. Sul palco del 21 giugno invece l’Osteria del Mandolino eseguirà musiche della tradizione popolare emiliana; «Il Gatto Nero e la Spada nella Roccia», con Britten e Comitini, sarà poi messo in scena dall’Ensemble Tempo Primo, con voce narrante di Maria Teresa Federici. Chiusura venerdì 12 luglio con l’intera Big Band della Sarti, orchestra diretta da Daniele Santimone e Tiziano Negrello, con il jazz di Ellington e Lewis. Al grande successo di «Recondite Armonie» non è estranea la collocazione: la suggestiva, immensa sala sotterranea della Cava Marana, abbandonata dal 1976 e da allora arricchitasi con un lago naturale, creato con lo stillicidio lento ma costante di acque limpidissime. Il luogo rappresenta un caso unico di archeologia industriale legato all’estrazione del gesso nel Brisighellese. Aperta nel 1929, la cava fu «trasformata» in miniera nel 1954, con un unico ambiente sotterraneo che oggi ha conseguito l’aspetto di un cavernone selvaggio, cosparso di massi luccicanti. L’acustica si è rivelata perfetta. Le sedie messe a disposizione dal Parco vanno a ruba, per cui l’organizzazione consiglia di dotarsi di stuoini o teli perché ci si siede per terra, in alto, al di sopra del palco come negli antichi teatri greci. La temperatura è gradevole, 18 gradi, ma richiede un abbigliamento adeguato. Ingresso gratuito con offerta libera destinata alla scuola Sarti. La Cava Marana si trova a 2 km da Brisighella, lungo la provinciale per Riolo Terme, esattamente di fronte al parcheggio della grotta Tanaccia.
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Proprietario “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi editoria L. 250/90


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione