Il faentino Antonio Venturi al Congresso mondiale della vite in Uruguay  «L’Italia del vino c’è,serve però fare sistema»

Romagna | 09 Dicembre 2018 Gusto
Riccardo Isola - Si e’ svolto dal 19 al 23 novembre, a Punta del Este in Uruguay, il 41° Congresso mondiale della vite e del vino e la 16ma Assemblea generale dell’Organizzazione internazionale della vite e del vino (Oiv). Questa è un’organizzazione intergovernativa che tratta argomenti tecnico-scientifici sul settore vitivinicolo e cerca di tradurre le relative informazioni in leggi e normative che siano il più possibile condivise dai vari Paesi aderenti. Qui, per l’Italia ha partecipato una delegazione tecnico-scientifca tra cui vi era Antonio Venturi, attuale presidente del Parco della Vena del Gesso romagnola già funzionario della provincia di Ravenna in tema agricolo. 
Venturi, la sua presenza si è concretizzata in una relazione dedicata al «caso Italia». Dal punto vitivinicolo qual è la situazione?
«Il nostro Paese è tra le più importanti e riconosciute potenze enologiche nel mondo ma non possiamo non riconoscere come ci siano ancora ombre sullo stato dell’arte della vitivinicoltura del Belpaese»
Quali?
«In primis esiste il rischio di trasferimento di vigneti tra centro-sud e nord, la massiccia presenza di poche varietà, una crisi della vivaistica, l’erosione della base ampelografica (504 vitigni registrati), la presenza di gransdi aziende specializzate in precise tipologie di vini, costi finanziari elevati, una visione individualista e la vocazione al gigantismo di alcune imprese fino ad arrivare ad un sistema poco integrato con il contesto mondiale».
Quindi quali sono i problemi maggiori per l’Italia e la Romagna del vino?
«In generale c’è una sempre crescente contrapposizione fra un modello di sviluppo basato su vitigni internazionali e a forte capitalizzazione finanziaria e un’altro piu’ basato sulla valorizzazione del territorio e delle sue tipicità. Quest’ultimo, che riguarda la viticoltura italiana e anche quella romagnola, ha bisogno di una crescita più sinergica e omogenea delle diverse realtà territoriali e necessita sempre più di ricerca scientifica, informazioni e dati ufficiali su cui basare la programmazione del settore senza burocratizzarlo ulteriormente».
Oltre alle grandi aziende e gruppi cooperativi, c’è spazio per le piccole e territoriali produzioni del made in italy nel mondo?
«Guardando allo stato dell’arte potrei dire di si, ma serve una strategia d’iniseme calibrata e combinata. Massa critica, prezzo, logistica, investimenti sono alla base di un corretto posizionamento della variaegata qualità enologica italiana nel mondo. Non ci sono solo Piemonte (Barolo, Barbaresco), Toscana (Chianti, Brunello), Veneto (Amarone e ultimamente Prosecco) che possono giocare d’attacco. Il Sangiovese romagnolo ha potenzialità ma serve un cambio di rotta e mentalità che siano quanto più  condivise tra grandi e piccoli. Bene ha fatto chi ha pensato ad uno spumante romagnolo (Novebolle), anche se a dir la verità bisognava forse pensarci prima, ma non basta».
Cosa serve quindi per conquistare nuove fette di mercato internazionale?
«Come dicevo prima bisogna fare squadra e sistema. Il Paese Italia deve avere sempre di più un’unità di intenti che purtroppo oggi, all’estero, non viene percepita. La Francia, lo ha fatto da tempo, l’Italia, e la Romagna con lei, ha bisogno di cambiare rotta».
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Proprietario “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi editoria L. 250/90


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione