Faenza, le novità sui palazzetti, al via il secondo stralcio al PalaBubani

Romagna | 20 Aprile 2019 Cronaca
Damiano Ventura - Per due volte nelle ultime settimane il Palacattani ha ospitato alcuni importanti eventi sportivi di rilevanza nazionale come le finali di coppa Italia di serie A di calcio a cinque ed una gara della nazionale italiana di pallamano valevole per le qualificazioni al campionato europeo. In entrambi i casi la struttura, di proprietà del comune ma gestita dal presidente del «Basket ‘95» Davide Balducci, ha fatto registrare il tutto esaurito in ogni ordine di posto richiamando a sè un cospicuo numero di addetti ai lavori, di tifosi ed anche di cittadini romagnoli che, incuriositi e interessati, hanno affollato a migliaia il palazzetto. 
IL SUCCESSO DEL PALACATTANI
«I grandi eventi sportivi - afferma l’assessore allo sport Claudia Zivieri - possono essere un traino per il turismo. Questo lo ha capito per prima la regione Emilia - Romagna che da alcuni anni incentiva questo tipo di manifestazioni. Faenza si è fatta trovare pronta ed ha risposto con una struttura importante qual è il Palacattani. E’ chiaro che per portare oltre 4.000 persone al palazzetto in ogni evento c’è stato un lavoro prezioso da parte delle società sportive locali. Faenza è una città di sport, ed è anche ben rappresentata in ogni disciplina a qualsiasi livello. Le nostre società infatti militano in serie importanti e c’è una grande passione per lo sport, che poi si traduce in una risposta positiva da parte della comunità quando ci sono questi eventi». Oltre al prezioso contributo delle società sportive probabilmente il successo di tali eventi lo si deve anche al fatto che la città è situata in posizione strategica. «Ho sempre sostenuto - sottolinea l’assessore - che Faenza sia ubicata in un luogo strategico. E’ facilmente raggiungibile da chi viene da fuori, in auto o in treno ed inoltre bisogna considerare il servizio che viene offerto: il palazzetto conta 5000 posti a sedere e nelle aree esterne adiacenti non mancano i parcheggi». Il Palacattani, inaugurato nel 1998 con l’amichevole Italia-Francia di pallacanestro ha ospitato nel corso degli anni molti eventi sportivi: gran premi di scherma, gare internazionali di ballo, un all star game di volley, una gara della nazionale italiana di calcio a 5, oltre che partite di primo piano di pallacanestro: Fortitudo Bologna, Basket Ravenna, Andrea Costa Imola solo per citarne alcune. 
Il prossimo grande evento è in programma dal 17 al 23 giugno. Faenza infatti sarà sede delle finali del Campionato europeo di lotta per le quali si prevede la partecipazione di centinaia di atleti provenienti da tutto il continente. Un’altra importantissima kermesse.
SI LAVORA ANCHE SUL PALABUBANI
Un altro spazio sportivo strategico per l’attività delle diverse associazioni presenti è quello del PalaBubani. Qui si è appena concluso il primo stralcio riguardante la zona esterna. Dopo il via libera della soprintendenza susseguente alle verifiche archeologiche effettuate, che hanno dato esito negativo, si è proceduto con la realizzazione di una scala anticendio e l’inizio dell’ammodernamento delle uscite di sicurezza. Per quanto riguarda invece il secondo stralcio ci sarà a breve un incontro con le società sportive che attualmente utilizzano il palazzetto in quanto la parte interna potrà essere rinnovata solamente nel periodo estivo per non interrompere l’attività agonistica stagionale. «Si è da poco conclusa la procedura - sottolinea l’assessore Zivieri - per l’aggiudicazione dei lavori del secondo stralcio. Ora sono in corso le verifiche amministrative e a seguire incontreremo le società per definire il calendario degli interventi con l’intento di creare meno disagi possibile». La seconda parte dei lavori sarà la più importante in quanto interesserà l’impianto elettrico, le uscite di emergenza, gli spogliatoi e le dimensioni del campo. «Il nostro obiettivo - prosegue Claudia Zivieri - sarebbe riuscire a terminare i lavori in autunno, ma questo dipenderà da quando inizieranno. Questi interventi porteranno inoltre ad un aumento della capienza rispetto a quella attuale». Il costo complessivo degli interventi ammonta a 800 mila euro, dei quali la metà sono stati finanziati dalla regione Emilia-Romagna.
IN AUTUNNO LA FINE DELLA RISTRUTTURAZIONE DEL FUTBOLITO
Una nuova struttura, polivalente e polifunzionale, come non ne esistono attualmente in Italia. L’ambizioso progetto della «Raggisolaris Academy» di Christian Fabbri sta prendendo forma giorno dopo giorno. Dopo l’aggiudicazione del «Futbolito» e un tempo tecnico di pianificazione, progettazione e valutazione, sono iniziati i lavori per la ristrutturazione e l’adeguamento normativo della struttura che dovrebbero terminare nei prossimi mesi, in tempo per la stagione estiva o per l’autunno, in coincidenza dell’inizio della stagione agonistica. 
«I lavori stanno procedendo abbastanza velocemente - dichiara Fabbri - stiamo rindo il fondo del campo in un pvc di ultima generazione, dopodiché procederemo con la copertura del campo, la ristrutturazione degli spogliatoi e la realizzazione di un porticato». 
La nuova superficie consentirà di praticare diversi sport indoor, non solo pallacanestro quindi per il futbolito che prima dei lavori sotto la gestione della Tulipano Nero era prettamente indirizzata verso il calcio a cinque. «Stiamo realizzando un lavoro più importante rispetto a quanto preventivato inizialmente - sottolinea Christian Fabbri - ma ne varrà la pena. In questi giorni ci incontreremo con l’assessorato allo sport e successivamente presenteremo il progetto alla cittadinanza. Posso anticipare che la nostra idea si basa sulla realizzazione di un centro polivalente come ce ne sono all’estero, ma non in Italia. All’interno verranno coniugate attività ludiche, attività sportive e post-scolastiche con sale studio e luoghi dove interagire e socializzare. Abbiamo intenzione di fornire un servizio alle famiglie creando un campus pomeridiano e quindi non solo basket ma anche altri sport come calcio e pallavolo». Si è inoltre proceduto con la cura del verde e si è progettata la riattivazione del campo da calcio parrocchiale. «Abbiamo cambiato la caldaia sostituendola con una più potente e abbiamo fatto la cura dell’area verde, tranne la parte dell’erba che sarà tagliata solo alla fine. Se questo investimento fosse pensato solo per il basket e per l’Academy non avrebbe un senso logico. Stiamo lavorando per creare corsi, progetti sull’alimentazione, un polo per le famiglie a 360°».
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Proprietario “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi editoria L. 250/90


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione