Faenza, il Gal finanzia circa un milione di euro per Biblioteca, ex Cantoniera, ex Pesa, Casa Ponticelli e Scodellino

Romagna | 11 Gennaio 2019 Cronaca
faenza-il-gal-finanzia-circa-un-milione-di-euro-per-biblioteca-ex-cantoniera-ex-pesa-casa-ponticelli-e-scodellino
Riccardo Isola - Quasi un milione di euro, per la precisione si tratta di 971.558 euro, sono le risorse che il Gal «Altra Romagna» ha stanziato per il territorio faentino per il 2019. Risorse che vedono tre principali interlocutori istituzionali esserne beneficiari: l’Unione della Romagna faentina, l’Azienda di servizi alla persona e l’Ente di gestione per i parchi e la biodiversità della Romagna, per un totale di circa 715 mila euro.
All’Unione della Romagna faentina arriveranno la stragrande maggioranza dei soldi, circa 488 mila euro. Questi permetteranno di finanziare tre differenti interventi sul territorio. Si tratta del consolidamento strutturale e riorganizzazione interna degli spazi della Biblioteca comunale di Casola Valsenio. Qui oltre ad interventi per l’antisismica si riorganizzeranno alcuni locali interni con l’ampliamento del Centro di documentazione sulla Guerra di Liberazione, l’allestimento di uno spazio informativo sulle erbe e sui frutti dimenticati e la realizzazione di una sala per giovani e un corner turistico.
Il secondo intervento finanziato è a Faenza e riguarda il recupero della ex pesa di Tebano. Un luogo storico in cui la nuova funzione sarà annessa alle attività del polo universitario oltre a potenziare la valenza turistico enogastronomica. Infine il terzo intervento riguarda il comune di Castel Bolognese. Qui grazie alle risorse ottenute verrà realizzato un museo del pane e della farina nello stabile di servizio posto di fronte al Molino Scodellino. Tutti e tre gli interventi hanno di fatto ottenuto un monte di finanziamento pari a un terzo delle risorse stanziate.
Per quanto riguarda l’Asp della Romagna faentina le risorse, in totale 120 mila euro, serviranno a cofinanziare un progetto di agricoltura sostenibile e solidale (vedi secondo box) mentre per il Parco queste risorse aiuteranno a concludere l’intervento nell’ex Casa cantoniera (vedi primo box), circa 108 mila euro.
A questi si aggiungono anche finanziamenti per i comuni di Modigliana e Tredozio per un ammontare ciascuno di circa 118 mila euro.

Si punterà sull’agricoltura sociale alla «Casa Ponticelli»​
Il finanziamento del Gal che è stato riconosciuto all’Azienda di servizi alla persona della Romagna faentina riguarda un progetto fortemente improntato alla dimensione dell’inserimento sociale. Con i 120 mila euro che arriveranno, infatti,  si interverrà sulla «Casa Ponticelli» posta in località San Mamante nelle immediate vicinanze di Oriolo dei Fichi. L’obiettivo di questo intervento è quello di creare, all’interno dell’area di proprietà della stessa Asp della Romagna faentina, un nuovo centro polivalente per l’integrazione sociale in ambito rurale. In termini più immediati e concreti si tratta di adibire lo stabile e parte dell’area esterna (circa mezzo ettaro) a progetti che abbiano a che fare con l’agricoltura sociale che includano differenti pratiche d’inserimento lavorativo, educazione e formazione, di prevenzione al disagio sociale ma anche, in futuro, attività turistico-ricreative con una connotazione autenticamente sociale. Tutto questo cercando di legare l’esperienza alla possibilità di far vivere direttamente ai fruitori il mondo del primario agricolo, con le sue caratteristiche, tempistiche, esigenze e problematiche. Per quanto riguarda i lavori che verranno messi in cantiere e che si realizzeranno con le risorse provenienti dal Gal verrà rifatto il tetto e la copertura della casa colonica oltre ad importanti interventi conservativi e di recupero dello stabile di proservizio posto nelle immediate adiacenze della casa. Qui oltre al recupero dell’antico forno e la sostituzione degli infissi saranno realizzati, negli spazi interni, servizi accessibili a disposizione dei visitatori, depositi di attrezzature per l’esterno e per disabili, un magazzino e sarà rimesso in sicurezza il piccolo portico di passaggio. In totale l’intervento avrà un costo di circa 170mila euro. Nella casa colonica, una struttura di 400 metri quadrati al coperto suddivisa su due piani, prevede invece la realizzazione di aule per corsi di italiano, mediazione culturale oltre ad una sala lettura con allestimento ed esposizione di materiali, fotografie e attrezzi rinti alla vita contadina di un tempo passato. Il progetto  realizzato dall’Asp, ad oggi, è allo stato definitivo, manca quindi ancora la parte esecutiva, e i lavori dovrebbero prendere il via nella tarda primavera massimo prossima estate. Entro l’autunno, comunque, alla «Casa Ponticelli» potrà prendere vita un’importante azione di socializzazione e interelazionalità sociale di natura fortemente innovativa e sperimentale. Questo sarà un luogo in cui anziani, giovani, richiedenti asilo, disabili potranno entrare in contatto diretto con una dimensione educativa e laboratoriale.  

Ostello e museo all’ex Cantoniera di Rivola
All’ex Casa cantoniera di Borgo Rivola, si procede con il recupero. E’ stato finanziato dal Gal (Gruppo azione locale) «L’Altra Romagna» il secondo stralcio per la ristrutturazione dell’edificio lungo la provinciale «Casolana-riolese». Si tratta di 107.629 euro che serviranno per ultimare i lavori interni: impianti, pavimenti, intonaci, finiture, infissi. Con un terzo stralcio, già finanziato dalla Regione, si provvederà poi agli allestimenti che dovranno rendere utilizzabile l’ex Cantoniera come centro-visite del Parco della Vena del Gesso, dedicato in particolare agli aspetti scientifici della speleologia. L’idea non è casuale se si pensa al pluriennale successo di «Speleopolis», la manifestazione casolana di novembre capace di richiamare ogni volta oltre 2 mila partecipanti (quest’anno 2.600 malgrado il maltempo) e se si pensa al fatto che da tempo Casola Valsenio si è dichiarata, come recita addirittura il canonico cartello stradale, «Città amica degli speleologi». «L’ex Casa cantoniera è un edificio di pregio tipologico - spiega il direttore del Parco Massimiliano Costa - oltre che in posizione strategica, ben visibile a fianco di una strada molto frequentata. Noi come Parco l’abbiamo avuta in comodato gratuito per 35 anni dall’ente proprietario, la Provincia di Ravenna. Ha tre piani e in quello superiore verrà ricavato un piccolo ostello, mentre al primo ci sarà il centro-informazioni ed un bar e al pian terreno un museo, o quantomeno un centro espositivo con pannelli e reperti vari forniti dalla Federazione speleologica regionale». La casa è caratteristica per il suo tradizionale color rosso-vinaccia e per la posizione che fronteggia la «Stretta di Rivola» con la celeberrima Tana di Re Tiberio, grotta di interesse archeologico visitabile in forma semi-turistica. La fine dei lavori, con successiva e relativa inaugurazione, è prevista entro la fine del 2020. (sa.ba.)
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Proprietario “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi editoria L. 250/90


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione