Enologia, approvata la modifica del disciplinare per il «Romagna Spumante Doc» 

Romagna | 08 Giugno 2019 Gusto
Due nuovi spumanti, uno bianco e uno rosato, sono stati inseriti nel disciplinare del Romagna Doc. Con la prossima vendemmia sarà quindi possibile commercializzare il «Romagna Doc Bianco Spumante» e il «Romagna Doc Rosato Spumante». Spuma fine e persistente, colore paglierino o rosato più o meno intenso, al naso fine e delicato, sapore da brut nature a secco, sapido, armonico. Il Consorzio Vini di Romagna ha pensato anche a un marchio collettivo, Novebolle e a un logo. Nove, come il numero dei colli romagnoli, come inizio Novecento, tempo in cui la spumantizzazione in Romagna era un vanto di caratura internazionale. Un modo di celebrare la tipicità, dandole risalto anche attraverso lo stile liberty del logo che racconta, con un carattere tipografico, la storia del territorio romagnolo.
Un regolamento disciplinerà l’uso del logo, che i produttori consorziati hanno l’obbligo di apporre su tutte le bottiglie di vino a denominazione di origine controllata «Romagna Spumante». Il progetto, nato nella seconda metà del 2017 in seno al Consorzio Vini di Romagna, ha visto la proposta di modifica al disciplinare del Romagna Doc approvata dall’assemblea del Consorzio il 21 dicembre 2017.
La modifica è stata ratificata dal Comitato nazionale vini Dop e Igp, al ministero delle Politiche agricole alimentari forestali e del Turismo nella riunione del 30 maggio scorso. La base di provenienza delle uve per produrre il Romagna Doc Bianco Spumante è Trebbiano romagnolo, minimo 70%; per il Romagna Doc Rosato Spumante la base è 70% Sangiovese.
Per entrambi possono concorrere alla produzione i vitigni Albana, Chardonnay, Pinot bianco, Pinot grigio, Bombino bianco, Garganega, Grechetto gentile, Riesling, da soli o congiuntamente, fino ad un massimo del 30%. Le uve del Manzoni bianco possono concorrere sino a un massimo del 10%, il vitigno Famoso fino al 5%. Il bianco spumante può usare anche (sempre nel 30%) il Sangiovese; il rosato spumante invece Merlot e Uva Longanesi. Entrambi devono essere ottenuti ricorrendo alla fermentazione in bottiglia o in autoclave e potranno essere rivendicati a partire dalla vendemmia 2019.
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Proprietario “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi editoria L. 250/90


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione