Calcio donne, la ravennate Martina Piemonte presenta il Mondiale: "Sfidiamo i pregiudizi, la Nazionale è forte e punta almeno agli ottavi"

Romagna | 08 Giugno 2019 Sport
calcio-donne-la-ravennate-martina-piemonte-presenta-il-mondiale-quotsfidiamo-i-pregiudizi-la-nazionale-au-forte-e-punta-almeno-agli-ottaviquot
Nella lista delle 23 azzurre che hanno raggiunto la Francia per giocare il Mondiale, agli ordini della selezionatrice Milena Bertolini, non ci sono calciatrici di Ravenna e neppure della nostra provincia. Ma una tifosa speciale, da queste parti, c’è eccome. Si tratta di Martina Piemonte, attaccante ravennate classe 1997, reduce da una stagione in serie A con la maglia della Roma e con un notevolissimo (e recentissimo) passato con le nazionali giovanili azzurre. La Piemonte, infatti, ha conquistato il terzo posto nel campionato Europeo 2014 con l’Under 17 azzurra e anche un eccellente terzo posto nel Mondiale disputato in Costa Rica. Notata dagli osservatori della Riviera di Romagna, nel 2012 Martina cominciò la sua avventura nel calcio femminile prima di passare al San Zaccaria. Nell’estate 2016 Piemonte si trasferisce a Verona, dove rimane per una stagione segnando 11 gol in 19 gare di campionato, che le valgono il trasferimento in Spagna. Al Siviglia, nella scorsa stagione, Martina resta fino al mese di aprile segnando 6 reti, poi si trasferisce nella Roma: con la maglia giallorossa, in questo campionato, ha fatto il suo ritorno in serie A. Per quanto riguarda la Nazionale maggiore, il debutto dell’attaccante ravennate risale addirittura al 14 giugno 2014 contro la Repubblica Ceca, in una gara valida per le qualificazioni del Mondiale 2015. Quel giorno prese il posto della fuoriclasse Patrizia Panico stabilendo un record: a soli 16 anni è stata la giocatrice più giovane della storia azzurra ad aver debuttato in una gara ufficiale Fifa con la maglia dell’Italia.
Martina, alla vigilia di un Mondiale atteso da 20 anni, come giudica il livello del calcio femminile in Italia?
«Il movimento è in forte crescita. Partivamo da dietro, ma per fortuna in questi anni è cresciuto l’interesse, sono migliorate alcune strutture e soprattutto le società di serie A ora hanno introdotto anche le squadre femminili. Quindi è cresciuto il livello tecnico, c’è maggiore competizione e il calcio è qualitativamente migliore. Il nostro è un bel calcio. Anzi, è il vero calcio».
In che senso?
«Giochiamo in serie A, facciamo i Mondiali, ma siamo considerate calciatrice dilettanti. Giochiamo per pura passione, con stipendi normalissimi. Però, vi assicuro che viviamo meglio rispetto ai nostri colleghi uomini».
Una grande mano è arrivata anche dalle televisioni, con Sky che ha acquistato i diritti per il Mondiale dopo aver trasmesso anche l’ultimo campionato di A.
«La visibilità per noi è fondamentale, finalmente la gente comincia ad affacciarsi a questo mondo e sa che esistiamo anche noi. Era il primo passo fondamentale ed è stato fatto nel giro di un anno, quindi anche molto in fretta».
Ci sono ancora certi pregiudizi che colpiscono la vostra realtà?
«Certo. Il livello tecnico è migliorato, quello culturale no. Sento troppe chiacchiere, per non dire sciocchezze. In Italia ci sono troppi pregiudizi e in questo senso non riusciamo proprio a fare un salto di qualità».
Passiamo al Mondiale, che scatta nel weekend. Come vede l’Italia?
«La squadra è forte, completa, ben allenata. Nel girone affronteremo Giamaica, Australia e soprattutto il fortissimo Brasile della fuoriclasse Marta. L’obiettivo è il passaggio del turno e credo sia un traguardo possibile. Poi penso che l’Italia possa spingersi anche più avanti, anche se non siamo certo le favorite».
Lei ha avuto chance di strappare una convocazione per il Mondiale?
«Avevo giocato alcune gare con Cabrini, ma quest’anno purtroppo non sono mai entrata nel gruppo. Farò il tifo da casa».
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Proprietario “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi editoria L. 250/90


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione