Brisighella, esce il poderoso volume, oltre 700 pagine, sulla cima di Monte Mauro

Romagna | 06 Aprile 2019 Cronaca
brisighella-esce-il-poderoso-volume-oltre-700-pagine-sulla-cima-dimonte-mauro
Sandro Bassi - Forse neanche il Monte Bianco ha una pubblicazione così approfondita. Quarta monografia su un ben determinato settore della Vena del Gesso (dopo Rio Stella-Rio Basino del 2010, I gessi di Monte Tondo, 2013 e I gessi di Brisighella e Rontana, 2015), esce I gessi di Monte Mauro (a cura di Massimiliano Costa, Piero Lucci e Stefano Piastra, 744 pagine, Carta Bianca, Faenza). Come nei volumi precedenti, l’area è stata studiata in modo multidisciplinare, esaminando, uno per uno, i valori naturali e quelli storico-antropologici, cioè uomo-ambiente. Si tratta di ben 36 capitoli, che vanno dagli aspetti geologici a quelli botanici, zoologici, archeologici, fino a quelli gestionali del Parco. 
Il territorio in esame va dal fondovalle Sintria, a Zattaglia, fino a Monte della Volpe (a sud del borgo dei Crivellari), oltre il quale inizia la già studiata area di Monte Tondo. Si tratta del settore più selvaggio, più impervio e per molti aspetti più interessante dell’intera Vena del Gesso romagnola. 
Particolare cura, vista la ben nota importanza dei fenomeni carsici di Monte Mauro, è stata dedicata alle grotte, illustrate, rilevate e commentate da 13 speleologi dei vari gruppi attivi in zona, delle Università di Bologna, Modena e Reggio Emilia e dell’Istituto Italiano di Speleologia. Se il sistema carsico di maggior sviluppo (oltre 8 km!) è quello dell’Inghiottitoio Rio Stella-Risorgente Rio Basino, cavità fra loro fisicamente collegate, di grande interesse esplorativo sono anche i vari abissi che si aprono sulla cresta soprastante. 
Molto documentati i capitoli sulle felci, sui pipistrelli, sulla frequentazione preistorica e protostorica e infine sul lapis specularis, il gesso secondario trasparente utilizzato in età romana come surrogato del vetro e quindi estratto da cave superficiali o sotterranee che sono oggi miniere di informazioni antropologiche e archeologiche. 
Alcuni argomenti sono poi davvero originali o addirittura inediti, ad esempio Le briofite (muschi), alcune classi di insetti (coleotteri e ortotteri) e lo studio del paesaggio vegetazionale del passato attraverso l’analisi del legname usato in due fornaci da gesso. 
Il volume sarà presentato la sera di venerdì 3 maggio presso il Municipio di Brisighella.
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Proprietario “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi editoria L. 250/90


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione