Costantino Ricci, Cgil: «Jobs Act depotenzia lo statuto dei lavoratori»

28 Febbraio 2015 Blog Settesere
costantino-ricci-cgil-jobs-act-depotenzia-lo-statuto-dei-lavoratori
«Giudichiamo il Jobs Act in maniera negativa innanzitutto perché si depotenzia lo statuto dei lavoratori, soprattutto per i neo assunti per i quali non esisterà più il reintegro per motivi economici, sarà difficile quello disciplinare e rimarrà solo quello discriminatorio, altrimenti non saremmo più un Paese civile. Lo statuto riequilibrava il rapporto impresa-lavoratore, oggi questa garanzia è più debole. Inoltre non si cancellano nella misura in cui speravamo i contratti atipici perché sono sparite solo alcune forme di precariato: job sharing, cocopro e l’associazione in partecipazione agli utili. Siamo critici sul demansionamento per il quale non è vero che si mantiene la stessa retribuzione, visto che spariscono le indennità di mansione. I voucher fino a 7mila euro includono quasi tutta la stagionalità del nostro mare e il tempo determinato non è cambiato. Siamo preoccupati per gli appalti: chi subentra può assumere i vecchi lavoratori con il contratto a tutele crescenti, quindi diminuendone i diritti. Per partita iva, vaucher o altri il contratto a tutele crescenti può essere una condizione migliorativa, ma bisogna guardare il contesto del mercato del lavoro e i costi che esso comporta. Piace alle imprese che per i primi tre anni avranno un’importante defiscalizzazione. Entro il 2015 proporremo al Governo un nuovo statuto dei lavoratori. Infine è grave non aver minimamente ascoltato la voce delle organizzazioni sindacali». (c.f.)

Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Follow Us
Facebook
Instagram
Youtube
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Via Severoli, 16 A
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy & Cookie Policy - Preferenze Cookie
Redazione di Ravenna

via Arcivescovo Gerberto 17
Tel 0544/1880790
E-mail direttore@settesere.it

Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, Arcivescovo Gerberto 17.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it n7887-costantino-ricci-cgil-jobs-act-depotenzia-lo-statuto-dei-lavoratori 005
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione