Alessio Boni nei panni di «Dio» all'Alighieri

Ravenna | 30 Gennaio 2015 Cultura
Alessio Boni ritorna a lavorare con Alessandro Haber in uno spettacolo che si interroga sulla vita e sulla morte, sui fini dell'esistenza, sull'etica, sulla religione in un surreale dialogo tra Dio e Freud, scritto da Éric-Emmanuel Schmitt (suoi i libri Monsieur Ibrahim e I fiori del Corano). Dal 29 gennaio all’1 febbraio (domenica ore 15,30) al teatro Alighieri va in scena Il visitatore, in una Vienna occupata dal Terzo Reich, dove Freud e un visitatore – forse lo stesso dio – si incontrano e discutono in un vero e proprio duello di opinioni. Nei panni di Dio è proprio Boni che non si fa problemi per tale ruolo e lo minimizza.
Non le crea qualche problema impersonare Dio?
«Ma no, non dovete prendere tutto alla lettera. È una bellissima idea di Schmitt, prende un pretesto per mettere in scena due personaggi all'opposto: quello agnostico, non credente, ateo che è Freud e il massimo della fede. Chi può rappresentare la fede? Una luce, Dio, che si impossessa di un corpo di un attore che nascerà molto anni dopo lo psicoanalista e quindi potrei essere tranquillamente io. La scelta di Dio da parte di Schmitt dimostra la sua grande intelligenza: se avesse scelto un'altra icona, come Gesù Cristo o il papa, tutti avremmo cercato di caratterizzarlo con un certo tipo di estetica. Invece dio può essere qualsiasi persona perchè non ha un volto, è una luce, una fede, ognuno poi ha il suo dio. È una forza, un'energia. E' questa l'intelligenza:  voi vedrete due personaggi in scena che si mettono a nudo e diventano persone. Esce l'uomo pensante e l'uomo non pensante, la morale, l'etica, si tocca anche la fede, la conversione. Ma si aprirà sempre più la soglia del dubbio, il mettersi in discussione. Questa è la cosa molto interessante».
Ha dubbi nella vita di tutti i giorni?
«Si, ovviamente. Chi ha totali certezze, come fai ad averle? Non è una diffidenza negativa, ti chiedi se ti sei comportato bene, se hai fatto bene a dare un consiglio a quel tuo amico, ad agire in un certo modo. Noi attori siamo l'apoteosi del dubbio, è un mestiere precario in continuazione, dall'inizio alla fine dei nostri giorni. Non sai mai cosa farai, quello che succederà. E' un continuo domandarsi cosa piacerà al pubblico. E' un continuo esame come diceva Eduardo. Fai tre mesi una tournèè, poi un film, poi torni a fare una fiction poi torni a fare teatro. Un continuo analizzarsi  e mettersi in gioco».
Lavora dopo «Art» di nuovo con Haber. Un duo affiatato?
«Si, peccato che non siamo riusciti a trovare un testo con Gigio Alberti perchè eravamo proprio un trio affiatato. Mi piacciono gli attori che si danno, che  si concedono totalmente e in questo Haber è un compagno fantastico, affidabilissimo. E' un libro aperto, o ti piace o non ti piace. E' dedito al progetto e cerca di aiutare me e gli altri, dà sempre consigli. È un grande appassionato del suo lavoro».

prosegue su settesere in edicola dal 30 gennaio
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Proprietario “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi editoria L. 250/90


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione