Fondazione Cassa, priorità al sociale negli investimenti 2015

Ravenna | 30 Novembre 2014 Economia
E’ un bilancio previsionale prudente e legato alla possibilità dell’aumento della tassazione previsto nella legge di stabilità quello approvato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna che continua a puntare con decisione sugli interventi di carattere sociale. A fianco a questo, tra le novità in essere, quella più rilevante è sicuramente l’avvio dei cantieri a Palazzo Guiccioli a Ravenna.
PREVISIONALE 2015
L’organo di indirizzo della Fondazione, nell’approvare all’unanimità il documento programmatico previsionale proposto dal consiglio di amministrazione, presieduto da Lanfranco Gualtieri, ha confermato priorità ai settori inerenti gli interventi sociali.
La proposta previsionale per il 2015 è stata redatta tenendo conto delle previsioni contenute nel disegno di legge di stabilità per il 2015, ora in discussione in Parlamento, comportante per le Fondazioni di origine bancaria un fortissimo incremento della tassazione sui dividendi percepiti in corso d’esercizio, con una norma che, se approvata in via definitiva, decorrerà retroattivamente dal 1° gennaio 2014. Ciò comporterebbe per la Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna maggiori oneri fiscali per circa 1,7 milioni di euro per il 2014 e altrettanti per il 2015. Pertanto il totale delle erogazioni per il prossimo anno sarà inevitabilmente fortemente condizionato dalle decisioni del Parlamento.
La Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna è un soggetto non profit, privato ed autonomo, che svolge attività filantropica in continuità con le attività svolte dalla Cassa di Risparmio di Ravenna, costantemente consolidando il suo patrimonio, diversificandolo secondo criteri prudenziali di rischio ed erogando contributi, in circa 24 anni, per oltre 114 milioni di euro. Il nuovo documento programmatico previsionale mostra l’impegno che la Fondazione Cassa rivolge in campo sociale, ancor più in un momento economico così difficile. Nel 2015 la Fondazione rappresenterà comunque, con le sue erogazioni, un fondamentale punto di riferimento nel sostegno alle iniziative sociali, assistenziali, educative, culturali e del volontariato, tutte tese a sostenere lo sviluppo sociale. «In tempi sempre più difficili, la Fondazione prosegue a vantaggio del nostro territorio un ciclo di positività - sottolinea il presidente Lanfranco Gualtieri -. Le norme della legge di stabilità, se confermate in legge dello Stato, rischiano di colpire proprio il ruolo sociale che la Fondazione orgogliosamente svolge da 24 anni. Chiediamo una mobilitazione a tutti i soggetti pubblici e privati che in questi anni hanno sempre utilmente collaborato con noi, a far sentire la loro voce, in tutte le sedi, a sostegno del ruolo indispensabile per lo sviluppo che le Fondazioni vogliono continuare a svolgere. Con gli interventi realizzati in questi 24 anni nei campi della cultura, della educazione e dell’istruzione, della salute, dell’assistenza alle categorie disagiate e della pratica sportiva, abbiamo incrementato le buone pratiche di educazione alla legalità e ai valori della convivenza civile; nel qualificare meglio i servizi sociali e sanitari non ci siamo sostituiti all’intervento pubblico, ma abbiamo voluto contribuire alla evoluzione tecnologica e scientifica del mondo ospedaliero nell’ottica di una solidarietà attiva. Oggi c’è un’economia privata che ha bisogno di essere rinnovata e sostenuta. Ma esiste anche un’economia civile, una economia di reciprocità, che ha bisogno di essere sorretta quanto l’impresa privata, perché produce relazioni, valori condivisi e accompagnamento dei soggetti più deboli ad una condizione di maggiore civiltà, in breve il 'valore' che la Fondazione ha aggiunto sul territorio».
PALAZZO GUICCIOLI
La Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna rende noto, con soddisfazione, l’avvenuta apertura del cantiere di Palazzo Guiccioli, di proprietà della stessa Fondazione ed è ormai imminente, una volta perfezionato a livello burocratico l’intervento per la «pratica sismica», l’inizio formale dei lavori edili per il restauro del monumentale Palazzo Guiccioli. I lavori vengono realizzati esclusivamente da imprese del territorio. Palazzo Guiccioli, con la ricostruzione dell’ambiente di una dimora dell’800, ospiterà il Museo del poeta Lord George Byron e il Museo del Risorgimento. Si tratta di una importante occasione per creare un virtuoso e innovativo percorso e circuito museale, anche con nuove attività commerciali nel centro storico. Il complesso degli interventi su Palazzo Guiccioli muove risorse per oltre 10 milioni di euro, e ha inoltre già consentito al Comune di Ravenna, attraverso la vendita del Palazzo che era di sua proprietà, di introitare importanti risorse destinate a rilevanti interventi di interesse pubblico. I comitati scientifici sono al lavoro per il progetto museale che valorizzerà, in ambienti interattivi, un palazzo che ha anche ospitato i principali protagonisti della vita risorgimentale di Ravenna.
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione