Sabato 7 re-inaugura la Casa del Teatro, corsi e rassegne per Due Mondi, Iris e Menoventi

Faenza | 08 Novembre 2014 Cultura
sabato-7-re-inaugura-la-casa-del-teatro-corsi-e-rassegne-per-due-mondi-iris-e-menoventi
«I linguaggi teatrali formativi entrano nel cuore della città, perché arricchiscono chi frequenta i laboratori andando così a costituire una nuova identità cittadina. E la pluralità di questi linguaggi per noi è un valore». Ribadisce le linee guida del suo mandato, l’assessore alla Cultura di Faenza Massimo Isola, e lo fa presentando i progetti laboratoriali invernali di tre compagnie della città manfreda. Anzitutto i Menoventi, che realizzeranno tre laboratori sul tema del «Bestiario», destinati a confluire in un unico spettacolo al Masini il prossimo 28 marzo. «L’anno scorso abbiamo avuto 30 corsisti e 400 spettatori al Masini, con tante persone che venivano da lontano – dice Gianni Farina della compagnia -. Numeri che ci fanno capire la portata di questi progetti e arricchiscono la vita culturale dell’intera comunità faentina». I tre laboratori, da fine novembre agli ex Salesiani, saranno distinti tra adulti e ragazzi (8-13 anni) sui temi del bestiario, oltre a un corso specifico sui clown (da febbraio) tenuto da Rita Felicetti. Info 0544/456716.
Iris Danza propone invece «Corpo e Azione in Rete» sul tema della «Bellezza e sacralità»: sette incontri rivolti a tuti fra novembre e aprile, che si terranno allo spazio Iris di via Cavour 7 ma si tratta di un progetto condiviso con altri artisti (Alice Bariselli, A/M Project, Natasha Czertok, Greta Marzano e efannybullock) e sviluppato anche tra Budrio, Bologna e Ferrara. Info 349/2500963.
Infine il teatro Due Mondi porterà avanti il laboratorio di teatro partecipato e intergenerazionale «Senza Confini», rivolto all’esplorazione delle diverse culture e a produrre azioni di strada senza vincoli formali o di spazio. «Il teatro dev’essere un motore d’inclusione – specifica Alberto Grilli – e saranno gli stessi corsisti a guidarci con le loro richieste). Il tutto alla Casa del Teatro di via Oberdan, che «re-inaugura» sabato 8 dalle 18 con Spartiti per Scutari Orkestra, Faber Teater,  Panda Project, Denis Campitelli e Teatro Due Mondi. Alle 21 il Teatro Tascabile di Bergamo presenterà «Messieur, che figura!». Domenica 9 alle 16 il nuovo spettacolo dei Due Mondi: «Le Nuove avventure dei Musicanti di Brema». Nel corso della stagione, ogni due settimane circa andrà in scena uno spettacolo, si paga alla fine, con un’offerta libera, per allargare il più possibile i fruitori del teatro. Tra le varie proposte il Cuore dei Due Mondi (per ragazzi 30 novembre e 14 dicembre), i 120 chili di jazz di César Brie (29 nvoembre), le Polifonie Clandestine del Quartetto Urbani (13 dicembre), Le bambine di Terezin del Faber Teater (17 gennaio), la riproposizione di Lavoravo all’Omsa (8 marzo), i nuovi spettacoli di Menoventi (Invisibilmente, 18 gennaio) e Iris (Umano, 3 maggio). Info 0546/622999. (f.sav.)
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione