settesere it n2269-economia-la-stampante-3d-della-wasp-di-massa-lombarda 001
Vai a http://emiliaromagnacultura.it/
Vai a https://garantiregionali.emr.it

ECONOMIA | La stampante 3D della Wasp di Massa Lombarda

Ravenna | 04 Maggio 2013 Cronaca
economia--la-stampante-3d-della-wasp-di-massa-lombarda
Massimo Moretti viene da Massa Lombarda ed è un uomo di idee. E a volte le idee più innovative sono anche le più semplici. E' il caso di quelle di Massimo, che si è inventato una stampante 3D. A lui è stato assegnato il premio «Imprenditore 2.0, dal borgo al mondo», voluto dal Resto del Carlino, Qn in collaborazione con Confcommercio, Ibm e UniCredit. Figlio di un artigiano del ferro, Moretti dal padre impara l'arte del creare piccole meraviglie. Quando era piccolo si trattava di giocattoli magari creati dai ritagli del ferro, poi da grande sono state alcune invenzioni, come appunto quella della stampante in 3D in grado di riprodurre oggetti con materiali di riuso, dalla plastica, al mais (usato per fare un nuovo tipo di plastica completamente biodegradabile, quello delle sportine della spesa, per intenderci), fino alla creta.



«Quando ho inventato questa stampante mancava ancora il software per farla funzionare - ci racconta Massimo Moretti - poi all'Università di Bath, nel Regno Unito è stato sviluppato il programma per l'autocostruzione di una stampante solida».
Nasce da lì il progetto «Rep Rap», un progetto open source, per dare a tutti la possibilità di avere una stampante 3D. L'esperienza di centinaia di inventori si connette in rete per costruire stampanti solide, Massimo Moretti scopre questo gruppo e riesce così a coronare il suo sogno: la Wasp. Moretti pensa alle mani del padre che forgiano il ferro, ma anche ad un'altra immagine che negli anni gli è capitata di vedere, quella della vespa vasaia che costruisce la sua casa di terra. «Quel piccolo esempio di efficienza ed ecologia perfetto - spiega Moretti -, semplicemente cambiando la forma di qualcosa che è ovunque a km 0, ottiene un rifugio sano ed a costo energetico sostenibile anche per una solitaria vespetta, così ho deciso di imitarla».
Anche questa è un'idea semplice. Le baraccopoli di cartone e lamiera potrebbero essere costruite a costi ridotti con forme naturali e materiali naturali, come la creta. «La stampante 3D - prosegue Moretti - funziona meglio con forme naturali, funghi, conchiglie, saranno le forme più facili da ottenere. Zero costi di trasporto, zero anidride carbonica per la cottura di laterizi o cementi, non servono autostrade, infrastrutture per trasporti pesanti, zero rifiuti e scarti da edilizia, le baraccopoli diventano verdi villaggi ecologici».
Per realizzare questa idea Massimo si è affiancato all'Isia di Faenza (istituto superiore per le industrie artistiche), una scuola che si occupa di design e nasce Wasp, in onore alla vespa vasaia che ha dato il via al progetto. Ma Wasp significa anche «World advanced savers project», cui si aggiunge lo slogan coniato dagli studenti «Siamo sognatori, siamo realizzatori, siamo makers».
Lui li chiama «smanettoni» in realtà. E assieme a questo gruppo di smanettoni sta realizzando una stampante in tutto e per tutto uguale alle altre, ma alta dieci metri. «Coi soldi che guadagnamo vendendo le stampanti normali - conclude Moretti - possiamo finanziare il nostro sogno, cioè la stampante alta dieci metri, in grado di costruire le case per il sud del mondo». Alcune delle realizzazioni, per ora solo in miniatura, sono davvero bellissime ed economiche, cioè vincenti.

CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Sn sbalordito e piacevolmente sorpreso . Verrò di sicuro a vedervi ad Argillà . Ancora complimenti dalla vicina castel bolognese
Commenta news 03/09/2014 - Domenico Gentilini
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy (Preferenze Cookie)
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it n2269-economia-la-stampante-3d-della-wasp-di-massa-lombarda 005
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione