Giordano Sangiorgi firma la prefazione al libro «Intrusi a Sanremo»

Faenza | 09 Febbraio 2017 Cultura

E' firmata dal faentino Giordano Sangiorgi, patron del Mei, la prefazione del libro Intrusi a Sanremo (Crac Edizioni) del giornalista Joyello Triolo, pubblicato proprio nei giorni del Festival della canzone italiana.

Gli apripista furono i rocker Adriano Celentano e Little Tony interpretando '24.000 baci' nel 1961, poi uno dopo l'altro sono arrivati i New Trolls e i Nomadi, gli Homo Sapiens e i Matia Bazar negli anni '70, Vasco Rossi, Zucchero e Jovanotti negli anni '80, i Timoria, i Subsonica, gli Statuto e gli Afterhours nel decennio successivo, e poi dal 2000 Avion Travel, Piotta, Frankie Hi-NRG e Rocco Hunt: in futuro chissà quanti ne vedremo ancora di cantanti e musicisti capaci di portare l'innovazione al Festival di Sanremo, entrati a buon diritto nel piccolo grande esercito di artisti che, pur restando fedelmente 'diversi', hanno trovato il modo di inserirsi nella kermesse canora più tradizionale e rassicurante del nostro Paese scompigliandola un po'.
Di loro racconta con passione e grande cura nei dettagli Joyello Triolo, che in Intrusi a Sanremo (Crac Edizioni) delinea un'altra storia del Festival, meno canonica, più coraggiosa e trasgressiva. Con prefazione di Giordano Sangiorgi, direttore artistico del Mei, il volume divide la storia della manifestazione in decenni, prendendo in rassegna ogni artista che, a giudizio dell'autore, ha portato sul palcoscenico qualcosa di diverso, contribuendo con il proprio lavoro all'evoluzione della nostra musica leggera. Triolo si spende in dettagli e informazioni approfondite, regalando al lettore una piccola enciclopedia dell'innovazione sanremese: di anno in anno, le pagine svelano uno a uno i performer più significativi delle varie edizioni del Festival, descrivendone le canzoni e gli stili, e in che modo la loro presenza anticonvenzionale abbia lasciato una traccia non solo a Sanremo ma in tutto il panorama della discografia italiana. E mentre si passa dal rock al progressive, dal punk al rap, nello sfondo di questa 'rivoluzione' emergono aneddoti e retroscena della kermesse, pettegolezzi e drammi, suggestioni ed eredità musicali. Questi 'intrusi', che hanno partecipato al Festival per concedersi una chance, per allargare il proprio pubblico o per ottenere una promozione in grande stile, in fondo hanno dimostrato che ci può essere un dialogo (e che può essere molto proficuo) anche tra realtà distanti come la musica del pop melodico sanremese e quella della scena 'alternativa'. 
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione