Lucarelli e Baldini tornano ai vecchi amori con le ultime due opere

Romagna | 15 Febbraio 2017 Cultura
lucarelli-e-baldini-tornano-ai-vecchi-amori-con-le-ultime-due-opere
Arrivano in libreria due nuovi volumi per due importanti autori del nostro territorio. Carlo Lucarelli torna a un vecchio amore con Intrigo italiano e la ricomparsa del commissario De Luca. Lo scrittore lo definisce un «uomo onesto e laico in un mondo di corruzione e ideologie, funzionario fedele al dovere, moralmente certo», nonostante sia stato un commissario sotto il regime fascista e abbia fatto parte della commissione. Sono tre i romanzi (1990-2000) che vedono De Luca protagonista, tra storia e cronaca nera, a cavallo tra l’ultimo mese di Salò e le elezioni del 1948, anni che lo cambiano, come dovettero cambiare i suoi modelli reali: da fidato poliziotto a epurato, poi reintegrato nei ranghi. Il temperamento antiretorico di De Luca, come non l’ha fatto stare a suo bell’agio sotto il regime, lo impaccia anche alle prime ipocrisie repubblicane.
Inizia con lui il personaggio ‘realistico’ del nuovo giallo italiano, inciso sullo sfondo delle vicende politico-sociali e del carattere nazionale: del resto De Luca si ritiene soltanto «un poliziotto», «un fedele servitore dello Stato» al di fuori dei cambi di regime e delle mode politiche.
Intrigo si muove tra tra giallo, spionaggio e thriller. Ambientato in una Bologna che si svela sotto le luci di un natale freddo e grigio, si svolge in 17 giorni di indagini serrate per questo commissario che non dorme mai, animato da un senso di eccitazione quando si trova vicino alla verità, sempre pronto a cercare i veri colpevoli e a difendere gli innocenti. Sullo sfondo errori, depistaggi, morti innocenti e servizi segreti.
Sarà invece in libreria a partire dal 23 febbraio la raccolta di Eraldo Baldini Tre mani nel buio (Fernandel), ristampa di tre romanzi brevi ormai introvabili scritti dal maestro del «gotico rurale». Baldini, nativo di San Pancrazio, è uscito da poco con il suo nuovo libro per Einaudi Stirpe selvaggia, protagonista Amerigo in una storia struggente tra il vecchio west e il Novecento, tra rivoluzione, lotte di classe e guerre mondiali. Un personaggio diviso tra l’affermazione di sé e la rinuncia, tra la solitudine e il bisogno d’amore.
Il libro edito da Fernandel fu invece pubblicato per la prima volta da Sperling & Kupfer nel 2001 e poi da Frassinelli nel 2005. Fa parte di un lavoro che la casa editrice ravennate ha intrapreso già con il romanzo Bambine (2016) per recuperare le opere narrative fuori commercio di Baldini.
Tre storie che si intrecciano intorno a crimini a volte sanguinosi e plateali, a volte subdoli e sottili, che hanno per scenario la provincia italiana: una tranquilla, sonnolenta città «a misura d’uomo», una campagna ricca e ordinata, una località di riviera che nell’immaginario dei vacanzieri rappresenta il perfetto luna park, ma che può contenere, come ogni luna park che si rispetti, anche un inquietante tunnel degli orrori. A fare da filo conduttore alle tre vicende non c’è solo l’ambientazione di provincia, ma anche gli stessi investigatori (il commissario Righetti, l’ispettore Cardona, i loro collaboratori) e un tema narrativo inquietante e di profondo impatto come quello della malattia, fisica e mentale. Da questi tre romanzi brevi emerge la particolare bravura di Eraldo Baldini nel creare suspense dalla prima all’ultima riga, la sua capacità di sfruttare al meglio le suggestioni e le atmosfere dei paesaggi, la sua penna originale, rapida e nel contempo elegante.
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione