Scuola sempre più multiculturale, raddoppiati gli studenti stranieri

Romagna | 04 Febbraio 2017 Cronaca
scuola-sempre-pia1-multiculturale-raddoppiati-gli-studenti-stranieri
Per chi lavora nelle 264 scuole della nostra Provincia e nelle aule universitarie, sa bene che attualmente la scuola e molto più multiculturale che dieci anni fa: alunni e studenti che provengono da tanti paesi frequentano le aule delle scuola.  Anche per quanto riguarda l’istruzione la nostra Regione si conferma, a tutti gli effetti, come una dei territori più multiculturali d’Italia. Secondo il rapporto annuale sugli alunni con cittadinanza non italiana elaborato dal Ministero dell'Istruzione, dell’Università e della Ricerca (Miur) e dalla Fondazione Ismu (Istituto per lo studio della multietnicità), la nostra Regione è infatti la seconda, dopo la Lombardia, per numero di alunni stranieri e la prima per numero di studenti rappresentati dall’Università di Bologna, con sede anche nella nostra Provincia.
La fotografia fatta dal Miur mette in luce soprattutto la nuova popolazione scolastica italiana e le sue caratteristiche locali. Nelle classi ci sono sempre più studenti che non hanno la cittadinanza del nostro Paese, ma sono bambini nati in Italia e integrati nella nostra società.
Gli alunni registrati in tutta la regione sono in totale  95.241, che ammontano al 15,5% rispetto al totale degli alunni, e questo dato regionale supera di gran lunga la media nazionale che è del 9,2%.
Così nelle 3.445 scuole della nostra regione, 868 scuole hanno più di 30% dei alunni stranieri. Nella Provincia di Ravenna, nelle 264 scuole dei 18 comuni, risultano in totale 7.568 alunni stranieri, tra questi 3.627 sono femmine, 4.079 sono bambini o ragazzi nati in Italia e solo 315 alunni stranieri entrati per la prima volta quest’anno.
Gli alunni stranieri nati in Italia costituiscono l’86,3% nelle scuole d’infanzia (l’84,8% è il dato nazionale), il 72,3% nella scuola primaria (il 68,4% è il dato nazionale), il 48% nella secondaria di primo grado (il dato nazionale è di 43,8%), il 20,5% nella secondaria di secondo grado (il dato nazionale è di 18,7%). Secondo questi dati gli alunni stranieri sono aumentati  dell’1,9%, superando così la media nazionale di crescita che si è fermata all’1,4%. Nelle 264 scuole della Provincia di Ravenna, solo in 5 di esse la percentuale degli alunni stranieri supera il 50%, tra le quali tre sono scuole d’infanzia.  Secondo i dati del Miur il 24,5% degli studenti stranieri è iscritto a un liceo, il 36,9% a un istituto professionale e il 38,5% a un istituto tecnico. Questo dato, però, più che riflettere la provenienza geografica degli studenti è riconducibile alla stratificazione sociale. Così come i ragazzi italiani, gli stranieri che ritengono di dover trovare prima un'occupazione scelgono gli istituti tecnici e professionali invece dei licei. (Ornela Hila)
 
 
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione