Vai a https://www.regione.emilia-romagna.it/ucraina
Vai a  https://www.agriturismo.emilia-romagna.it/

Le ultime novità in fatto di libri dalla Romagna

30 Maggio 2016 Cultura

Le nuove uscite degli autori della provincia, fra storia e noir

Federico Savini

I narratori scelgono per lo più thriller e fantasy, ma riescono sempre a trovare sguardi obliqui, derive impreviste e soprattutto brandelli di Romagna. La saggistica rovista invece soprattutto nel Novecento, indagato tra nostalgie fotografiche e riflessioni filosofiche, ma c’è anche chi ristampa preziosi autori del Trecento. E il panorama letterario del nostro territorio si dimostra vitale anche nei mesi caldi.

ROMANZI E DINTORNI

Tra i ritorni più graditi - e anche attesi, dato che il precedente romanzo I romagnoli ammazzano al mercoledì era stato una delle sorprese locali più «fresche» di questi anni – c’è sicuramente quello del romanziere lughese Davide Bacchilega, con Più piccolo è il paese, più grandi sono i peccati. Confermato l’editore Las Vegas che, tra l’altro, al Salone del Libro di Torino, ha venduto questo nuovo titolo più di tutti gli altri presentati. A questo giro Bacchilega si allontana più che mai dal cartolinismo di Romagna per raccontare una provincia arida e feroce, perennemente nebbiosa e dipinta con dolente sarcasmo. La storia parte dalle lettere anonime che tre ex ragazze squillo ricevono prima di Natale, e dai crimini che si susseguono velocemente. Il tutto è funzionale a portare in scena personaggi che speculano, senza lesinare in squallore, sui cerimoniali della morte e i piaceri più insani, ma anche le malattie più terribili.

E’ invece passato dal thriller al romanzo surreale dai tratti comici e grotteschi il ravennate Massimiliano Venturini, che in La rivoluzione di Arturo (Pendragon) mette in scena la travolgente sarabanda di eventi che toccano in sorte a un grigio impiegato che nel volgere di pochi giorni si ritrova senza lavoro e piantato dalla moglie. Ma il lavoro notturno che si sceglie per «tirare a campare» lo catapulta in una realtà parallela fatta di narcotraffico, corsi di cinese on-line e supereroi. Quando poi il protagonista porta un nome johnfantesco come Arturo Baldini è tutto un programma.

Da segnalare senz’altro l’esordio della cesenate Silvia Bertozzi, che per l’editore ravennate Fernandel ha pubblico Il buio nel cuore, romanzo che Eraldo Baldini – niente meno – ha definito «Uno dei migliori esordi che abbia mai letto». Si tratta di un thriller psicologico dalle atmosfere gotiche, che indaga il rapporto avvelenato tra una madre e una figlia, il desiderio di vendetta ma anche il bisogno di essere salvati.

Fra thriller e saggistica si muove anche la ravennate Paola Amadesi, uscita con ben tre libri per l’editore Moderna di Ravenna. Bambole maledette è un viaggio nei sentieri del paranormale, con bambole che contengono l’anima dei defunti e conservano leggende da tutto il mondo. La maledizione del joker indaga la figura archetipica resa celebre dall’arcinemico di Batman, come ingannatore per antonomasia, dalle origini del clown circense allo sviluppo del suo lato negativo, attraverso il cinema e la letteratura. Il prigioniero di San Leo torna sulla storia del conte di Cagliostro tra suggestione, leggenda e perizia storica.

Tocca fatti storici anche il nuovo romanzo della ravennate Mirta Contessi, Era il 1629? (storia di un brigante e di una strega) (Supernova), storia d’amore e di morte che nasce dal ritrovamento di un manoscritto destinato alle stamperie di Venezia e una lettera che dà inizio alla ricerca di una presunta strega. Il tutto attorno alla vicenda di un brigante chiamato Alfonsetto…

E’, infine, un fantasy molto anomalo l’ebook d’esordio che il faentino Ramsis Bentivoglio ha pubblicato per le edizioni Eve. La scomparsa dei corvi affronta il tema – insolitamente maturo per un autore neanche trentenne – della vecchiaia e dell’insoddisfazione, che mi mescola a una leggenda britannica legata ai corvi della Torre di Londra. Bentivoglio è anche autore del racconto sulla Resistenza Almost Black, già premiato da Carlo Lucarelli.

STORIA E SAGGISTICA

Escono su Longo le Rime che Tomaso da Faenza scrisse nel ‘300, finendo citato anche nel dantesco De vulgari eloquentia tra i romagnoli che «a proprio poetando divertisse audivimus». L’importante edizione critica curata da Fabio Sangiovanni raccoglie per la prima volta tutta la produzione di Tomaso, comprendendo le rime dei corrispondenti e correggendo vecchie imperfezioni interpretative.

Sta poi per uscire, sul Ponte Vecchio, un nuovo libro dedicato a Olindo Guerrini nell’anno del centenario. Bibit Archipoeta. Stecchetti e i Papi

È il divertito saggio di Primo Fornaciari sulla Bepi (controfigura di papa Pio X). Una celebrazione «festosa e bacchica» - per dirla con Fornaciari – del poeta santalbertese. Ha qualche attinenza con il dialetto anche Paolo Borghi, poeta vernacolare di Marina nonché rubrichista della Ludla, che questa volta, con Giksy blue ed Antigua e ritorno (2002-2003) (edizioni Moderna, in uscita) racconta della sua perdurante passione per il mare e la navigazione.

Puntano invece, risolutamente, alla storia locale della Bassa i nuovi volumi editi dalla Mandragola. Si racconta da sé Fusignano 1943-1945 Racconti e immagini, raccolta di memorie da uno dei periodi più difficili del paese (ma anche del Paese). Dalla presentazione dell'assessore Lorenza Pirazzoli, il libro messe insieme «Racconti di donne e uomini che hanno vissuto mesi al fronte, subito barbarie, ma che sono sopravvissuti e hanno proseguito la loro esistenza memori e forgiati da quelle vicende». Ma c’è anche 1946-2016 Le cartoline delle Alfonsine, libro in via di pubblicazione a cura del circolo filatelico Vincenzo Monti e del Foto Club Controluce.

Si cambia completamente argomento, e taglio, con il saggio che il faentino Luigi Neri, dirigente del liceo Torricelli-Ballardini di Faenza, nonchè ricarcatore filosofico, ha pubblicato per Armando editore. L’autoesplicativo Saggio sulla scuola liceale italiana approfondisce un argomento che il nostro conosce bene, che prende spunto dalla riforma della «nuova scuola» per riflettere sulla ricchezza insita nella storia delle nostre istituzione scolastiche (a partire da considerazioni filosofiche sul «sogno degli umanisti») e valorizzarla al meglio nello scenario attuale che reclama un profondo rinnovamento. Da Hegel a Croce ai giorni nostri in una riflessione appassionata.

Affronta la guerra da una prospettiva insolita, ma assolutamente meritoria, La Resistenza immaginifica. Preti, amore e fantasia del ravennate Enzo Tramontani (Girasole), un’autentica galleria di preti combattenti, corredata da una quarantina di disegni di Giuliano Giuliani.

Tutt’altro genere di saggistica, per finire, è quella di cui si occupa il faentino Giancarlo Nanni, storico musicale che vanta pubblicazioni anche con Castelvecchi. Coloured Dreams è il libro, autopubblicato, che Nanni ha dedicato al «viaggio nel sogno rock», affrontando quindi una lunga disamina in 380 pagine nel rock psichedelico americano e inglese, ma anche della sua genia, progressive rock in primis, con pillole d’Italia e qualche storia cronologicamente «new wave» (Patti Smith, Television e altri) che ancora portava avanti nei suoni il sogno dell’Utopia dei sixties.

Box
FAENZA | La guida del Duomo, fatta dai bambini

Nasce come frutto del progetto «I Lions per una scuola migliore», coordinato dal Club Lioness di Faenza, la nuova guida del Duomo manfredo realizzata dai bambini e dalle bambine delle classi IV C e IV F della scuola primaria F.Carchidio. Il progetto sperimentale ha coinvolto insegnati e alunni della scuola Carchidio nella ricerca di modalità didattiche innovative per rendere più partecipi i bambini alle esigenze della città. E il risultato p una «guida turistica per bambini realizzata da bambini», a seguito di numerose visite durante le quali gli allievi della scuola hanno focalizzato il proprio interesse su determinate caratteristiche del Duomo, per poi comunicarle agli altri. Il progetto, sostenuto dalla dirigente scolastica Maria Saragoni, ha visto il diretto coinvolgimento delle insegnanti Novella Laghi, Elisa Sami, Donatella Santandrea. Alla guida, pubblicata in italiano, a breve si affiancherà la versione in inglese.

CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy (Preferenze Cookie)
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it n11517-le-ultime-novita-in-fatto-di-libri-dalla-romagna 005
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione