Gianni Parmiani è il «Don Camillo» di Martinelli a Roma

Bassa Romagna | 10 Settembre 2017 Appuntamenti

«Leggere il mio nome insieme a quelli di Michele Placido, Giuseppe Battiston, Roberto Citran e Davide Enia fa un certo effetto, anzi fa molto di più che un certo effetto! Piuttosto, non so che effetto farà a loro trovarsi a fianco di questo fantomatico Gianni Parmiani…».  Ce lo raccontava poco più di un mese fa, Gianni Parmiani, all’indomani dell’ufficializzazione della sua partecipazione a Ritratto di una nazione. L’Italia al lavoro, imponente opera teatrale corale curata da Antonio Calbi e Fabrizio Arcuri, che andrà in scena da lunedì 11 a sabato 16 settembre al teatro Argentina di Roma, ogni sera dalle 19. Questo perché nel complesso lo spettacolo durerà oltre quattro ore, mettendo in fila brevi contributi da ogni regione italiana, ad opera di altrettanti attori e autori. Per l’Emilia Romagna Marco Martinelli del Teatro delle Albe ha scritto Saluti da Brescello, che vedrà in scena – sullo stesso palco dei vari Placito, Battiston e compagnia altisonante – il drammaturgo Gigi Dall’Aglio nei panni di Peppone e il «nostro» Gianni Parmiani in quelli di Don Camillo. Una promozione in «serie A» che l’attore di San Lorenzo non si aspettava, proveniendo dal teatro dialettale amatoriale, ma che in realtà non stupisce che lo segue da anni. E Marco Martinelli, che l’ha voluto nei panni dell’iconico personaggio guareschiano, è certamente uno che sa andare oltre la superficie e le risate più schiette. Nello spettacolo si immagina che le statue di Peppone e Don Camillo prendano vita, di notte, nella piazza della Brescello di oggi, città che tra le prime nella nostra regione si è ritrovata immersa in seri problemi di infiltrazione mafiosa. Tempi che cambiano, insomma, al punto che anche personaggi scolpiti nell’immaginario tricolore si vedono costretti ad aggiornarsi. E non stupisce che la battura d’esordio di Don Camillo/Gianni Parmiani sia un tonante: «Che vergogna!».

 

CONDIVIDI
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Follow Us
   
Redazione di Faenza

via Zanelli, 8
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544 1880790
Faenza - tel. 0546 20535
E-mail: pubblicita@settesere.it
Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Proprietario “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione