La Bcc Ravennate e Imolese verso la fusione con Forlì

17 Aprile 2017
Quasi 1.000 soci hanno partecipato agli incontri informativi organizzati dalla BCC ravennate e imolese, che hanno preso il via ad Imola il 29 marzo, e sono terminati, dopo le tappe di Lugo e Ravenna, lo scorso 10 aprile a Faenza. Al centro del confronto tra il Consiglio di Amministrazione, la Direzione e la base sociale della Banca due temi di grande interesse: la riforma nazionale delle banche di credito cooperativo ed il progetto di fusione con la Banca di Forlì.
Nel corso degli incontri informativi il Presidente Secondo Ricci ed il Direttore Generale Gianluca Ceroni hanno illustrato i tratti principali della riforma. Con l’emanazione della disciplina di secondo livello da parte di Banca d’Italia lo scorso novembre si è di fatto chiuso l’iter legislativo di riforma avviato nel febbraio 2016, cui ora occorre dare concreta attuazione. «La riforma – afferma il Presidente Secondo Ricci – offre oggi a noi come cooperativa di credito una grande opportunità: dare vita ad un gruppo bancario di rilevanza nazionale che si distingua per essere un gruppo bancario “cooperativo”, fedele quindi ai valori che da sempre qualificano il nostro modo di fare banca, e che al tempo stesso consenta a ciascuna BCC di mantenere la propria autonomia. La nostra BCC – prosegue Ricci – si presenta a questo appuntamento “pronta” e con la volontà di giocare un ruolo da “protagonista”. Il nostro punto di partenza è rappresentato da una BCC solida dal punto di vista patrimoniale. Lo dicono i numeri: il CET1 al 31.12.2016 raggiunge il 18,23%, livello ampiamente superiore a quello imposto dalla normativa e alle medie di sistema; il patrimonio della Banca assumerà il valore di circa 312 milioni di euro dopo l’approvazione del bilancio con la destinazione dell’utile 2016. Siamo una delle BCC di riferimento del sistema e vogliamo continuare ad esserlo». Il Presidente Ricci ha inoltre spiegato ai Soci intervenuti le motivazioni per cui il Consiglio di Amministrazione sottoporrà alla prossima Assemblea dei Soci la proposta di aderire al Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea Banca, un gruppo già patrimonialmente dotato e sottoposto con esiti positivi alla vigilanza della BCE e nel quale la BCC ravennate e imolese detiene una partecipazione di quasi 24 milioni di euro.
Sono stati inoltre presentati alla platea dei Soci i dettagli del progetto di fusione con la BCC di Forlì, avviato a ottobre del 2016 con la elaborazione del Progetto Industriale e sottoposto alla Banca d’Italia, che ha rilasciato l’autorizzazione lo scorso 21 marzo. Ora saranno le Assemblee dei Soci delle due banche a doversi esprimere sul progetto il prossimo 6 maggio. «Nel corso del 2016 abbiamo fatto insieme alla Banca di Forlì tutte le verifiche dei dati contabili, economici e patrimoniali del progetto di fusione – ha spiegato il direttore Gianluca Ceroni. La fusione ricerca l’obiettivo di costituire una realtà con una dimensione e una copertura territoriale più rilevante: la nuova realtà post fusione potrà contare su 27.000 Soci, 130.000 clienti, 67 filiali dislocate su territori complementari ed omogenei, oltre 600 dipendenti; il patrimonio ammonterà a 350 milioni di euro. La fusione comporterà inoltre la possibilità di una riduzione di costi operativi e ottime opportunità di sviluppo commerciale». L’aggregazione delle due banche è del tutto in linea con lo spirito della riforma del sistema delle BCC, che ha l’obiettivo di mantenere la presenza sul territorio di un minor numero di BCC, più strutturate ed efficienti, con conseguenti risvolti positivi in termini di contenimento dei costi strutturali. Contemporaneamente, vengono mantenuti i princìpi mutualistici tipici della cooperativa di credito, quali la solidarietà, l’attenzione alle persone e il localismo, che sono alla base dell’esistenza del Credito Cooperativo.
Oltre al presidente e al direttore generale, sono intervenuti nel corso degli incontri formativi, moderati dal giornalista Alberto Mazzotti, anche giovani collaboratori della BCC (Valentina Melandri, filiale di Imola Rocca, Elisabetta Maria Masoli, filiale di Lugo Via Mentana, Michaela Fabbri, filiale di Ravenna Darsena e Ilaria Mambelli, filiale di Faenza Borgo) e sono stati proposti sotto forma di video interviste i contributi di Soci e di aziende sui temi trattati. Il format è stato inoltre arricchito dal contributo video di Guido Caselli, direttore Centro Studi Unioncamere Emilia-Romagna, che ha offerto uno spaccato sulle prospettive di sviluppo economico del territorio.
I Soci presenti agli incontri informativi hanno inoltre avuto la possibilità di partecipare al concorso «Condividi la nostra idea di BCC!».
 
 
CONDIVIDI
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Follow Us
   
Redazione di Faenza

via Zanelli, 8
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544 1880790
Faenza - tel. 0546 20535
E-mail: pubblicita@settesere.it
Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Proprietario “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione